Se non mi lasci non vale

Un matrimonio che non finisca in divorzio è palesemente fuori moda. Si guardano i due componenti della coppia come due disadattati incapaci di godersi la vita. Ma come, dopo la festa, il viaggio di nozze, le prime gioie e litigi, non hanno nessuna voglia di riprendersi la loro libertà? Di provare nuove esperienze erotico-sentimentali? Ma che gente di ristrette vedute.

Se sono anziani li si considera con compatimento: hanno perso tutte le occasioni utili per separarsi felicemente,hanno vissuto in un’epoca troppo chiusa ed ora che possono aspettarsi più dalla vita?

Eppure le stesse accuse di banalità che colpiscono i lungo-matrimonianti sono riferibili, uguali uguali, anche ai presto-o-tardi-separanti.

L’immagine mediatica, traslata al quotidiano, scivola inesorabilmente nel ridicolo. I divorzi sontuosi delle leggende del gossip scadono alla rissa piccina per la casa, gli alimenti ed i turni per vedere i figli. Non vedo in giro gnocche mature da far girar la testa che si riprendono la libertà da opprimenti manager in carriera, ma attempate signore cadenti che si stancano di mariti normalmente noiosi. Non vedo aitanti cinquantenni a caccia di ragazzine ma impiegati monotoni alle prese con la canizie avanzante e la panza prominente.

E poi gli aspetti banali del vivere quotidiano. Ritorni dai genitori per ridurre i costi. Vacanze da single per single di ritorno. Mi conviene più il lavoro o gli alimenti?

Qualcuno certamente mi potrà disquisire sulla psicologia di s-coppia e mi rampognerà sulle anticaglie cerebrali che magari inconsciamente (per darmi occasione di redenzione) mi porto dietro, mi spiegherà che tutto questo è progresso ed emancipazione, auto-affermazione e distacco dallo stantio, libertà dell’individuo e apertura e nuovi e divertenti stili di vita. Tutte cose luccicanti e ragionevoli, non dico di no, ma tante volte mi sembra più che altro carenza del senso del ridicolo.

Annunci

6 thoughts on “Se non mi lasci non vale

  1. vero, sottoscrivo in toto,
    da qualche anno a questa parte il matrimonio è vissuto come esperienza temporanea di vita, spesso viene interpretato alla stregua di un “master” per giungere, come fosse una carriera lampo, a vitalizi e spartizioni patrimoniali post-divorzio.

    TADS

      • modo di dire.
        Intendevo hai scritto per dire cosa?
        che è giusto stare assieme se non ci si sopporta più?
        oppure che non ci si deve proprio sposare?
        oppure che ci si può sposare ma si può divorziare solo a determinate condizioni?
        giuro, è colpa mia che sono tardo, ma non l’ho capito.

  2. @masticone: criticavo l’idea che sia tutto considerato facile: sposiamoci e poi se va, va (o meglio, finché va). C’entra, credo, una certa idea di auto-realizzazione. E secondo me c’entra l’abitudine al “gossip”: se lo fanno quelli in TV, allora perché non lo posso fare anch’io? Ma la vita reale (ed il cuore umano) sono al tempo stesso più intricati, nel complesso, e più banali, nei dettagli, di quello che descrive(va) Hollywood. A me, ad esempio, la frase “iniziare una nuova vita” sembra sempre un po’ falsa. Insomma certo che si può sbagliare, ma pensiamoci prima, se ci riesce.

Lascia pure un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...