La presunzione di fare altri mestieri, ovvero la sindrome della conquista del mercato

ChiediAllaPolvere

Qualcuno dovrebbe spiegare a chi lavora nello sviluppo software che ogni programma non deve necessariamente fare tutto, anzi assommare funzionalità parziali, mal costruite e poco ottimizzate è uno svantaggio, non un’aggiunta.

Faccio un esempio. Nel mio lavoro mi capita di valutare programmi per analisi ingegneristiche: strutturali, fluidodinamiche (scusate per i paroloni, non me ne sono venuti altri). Una volta c’era il “solutore”, che faceva il calcolo e il “modellatore” che lo preparava, come due programmi distinti. Ora tutti i solutori vengono con il loro modellatore incorporato, che potrebbe ancora andare bene se fosse sempre ottimizzato e mirato allo scopo. Ma poi hanno voluto fare il passo ulteriore: applicativi per alterare le geometrie o farne di nuove direttamente nel programma di calcolo, in pratica dei CAD dei poveri.

Inutile dire che ogni volta che ho provato a impiegare in pratica queste funzioni, si sono rivelate di gran lunga meno solide e meno pratiche dei programmi “dedicati”, sviluppati da decenni per fare solo quello, per cui alla fine non le impiego: sono escrescenze software che occupano spazio sul disco e rubano lavoro agli sviluppatori e al supporto tecnico senza dare valore aggiunto, almeno per il sottoscritto.

Forse qualche cliente potrebbe pensarla diversamente, tuttavia le demo che vedo sono una vaga semplificazione delle fetenzie geometriche e delle complessità fisiche che mi trovo a trattare in pratica, giorno dopo giorno.

Perché è difficile battere chi è specialista di un tema da decenni, chi ci lavora e si e beccato centinaia di volte le rampogne di utenti scontenti, si è scontrato con i bachi software e le limitazioni hardware, si è scervellato sulle preferenze e idiosincrasie dell’utilizzatore medio e su quelle dell’utente pseudo-sedicente-esperto e alla fine, con non pochi tentativi, spesa e sudore è riuscito a mettere assieme un pacchetto che funziona. Non ci si improvvisa: un cuoco non si mette, di solito, a riparare la cucina a gas, chiama il tecnico specializzato, e se deve comparire in TV non parte acquistando una telecamera e un microfono tutti suoi.

Mi viene da pensare che tutta questa corsa alle funzioni avanziate e “dislocate” rispetto al cuore della propria specializzazione nasca in base a principi di puro marketing, volendo dimostrare di essere in grado di fare più dei concorrenti: la legge del “ce l’ho più lungo” applicata all’elenco delle funzionalità. Forse questi sviluppi a funzionalità ridotta sono finalizzati a chi non può permettersi i programmi “completi”, ovvero alle piccole e piccolissime imprese, ma a me sembra che si cerchi di contrabbandare per funzioni quelle che sono escrescenze poco utili. La complessità è raramente un valore in se.

E’ un problema diffuso, secondo me, quello di provare a fare il mestiere, nella speranza di rubargli i clienti (e i soldi). Così la Honda si è inventata produttrice di aerei, creando un progetto avanzatissimo e interminabile, e vedremo coma va a finire. O la Parmalat pre-crash decise che doveva trasformare l’umile latte in una bibita alla moda tipo Coca-Cola ma più salutare. O avvocati si convincono di essere esperti di finanza e ingegneri dei maghi del marketing. Fino al privato cittadino che è convinto di poter risparmiare soldi improvvisandosi idraulico o elettricista, con risultati spesso al limite del pericolo pubblico. Chissà perché, quando diventi abbastanza bravo a fare una cosa ti convinci di essere altrettanto capace di farne altre e, il più delle volte, ti butti in un turbine senza fondo d’inefficienza. Secondo me è un derivato del principio d’incompetenza di Peter: ogni organizzazione cresce e si espande fino a mettersi a fare cose per le quali non è nata ed è del tutto inadatta, e così mette a repentaglio la sua stessa esistenza!

Annunci

Aggiornamento hardware

Il mio primo processore

Il mio primo processore

Dovrei comprare un nuovo computer, ma non riesco a decidermi. Ho alcuni punti fermi e alcune perplessità, non tutte razionali.

L’evento è di una certa rilevanza, perché i miei cicli di aggiornamento dell’hardware sono diventati progressivamente più lunghi. Per un po’ di anni il mio PC, assemblato attorno a un Pentium 4 “single core”, mi è bastato per tutto quello che avevo voglia di fare, e ne ha viste di molti colori, tra applicativi, configurazioni e sistemi operativi.

Punti fermi: motivi dell’aggiornamento. Il mio vecchio desktop inamovibile è diventato inadatto al mio stile di vita: anche in casa mi fa comodo un portatile; può sembrare strano ma è così. In più mi farebbe comodo un po’ di potenza, per fare elaborazione fotografica senza aspettare minuti e minuti per ogni immagine. Tra l’altro, essendo alle prime armi devo fare diversi tentativi.

Altro punto semi-fermo: dopo tanti anni di Linux sono pronto a tornare a Windows come sistema operativo? Motivi: meno tempo e voglia di smanettare e provare soluzioni alternative. Insomma voglio la pappa pronta, e anche poter installare più facilmente i programmi. Inoltre, per alcune nuove attività, sono legato a Office. Linux mi è servito, ho imparato tanto e l’ho sfruttato per molto, ma nella vita è bello cambiare, ogni tanto, ben sapendo che da nessuna sponda del fiume c’è il paradiso. E magari non lo abbandonerò del tutto.

Per me è un cambiamento epocale: avevo sempre considerato il desktop come l’ottimo. E’ riparabile, espandibile, configurabile e ha il migliore rapporto costo / prestazioni. Ha un monitor e una tastiera veri. Ci metti dentro quello che vuoi e hai spazio per aggiungere e togliere a volontà. Quando lo cambi, salvi monitor, tastiera, masterizzatore e magari qualche altra cosetta. Ma la tecnologia invecchia in fretta, dopo un po’ non ha senso pensare a aggiornamenti. E, soprattutto, arriva il momento di riconsiderare l’ordine delle priorità.

D’altra parte ero un appassionato del filo che si è dovuto convertire al wireless, tuttavia non ho mai cambiato lo stereo con l’home theater e, visti i risultati medi, ho fatto bene.

Ma non divaghiamo ulteriormente. Ho verificato dai vari test disponibili in rete che anche un PC economico sarebbe notevolmente più prestazionale delle attempate macchine da calcolo di cui ora dispongo, ma applicherò la mia filosofia dominante: salire ragionevolmente di livello, prendendo come parametri gli aspetti per me rilevanti, in modo da sfruttare l’oggetto il più a lungo possibile, ovviamente a meno di imprevisti.

Da qui vengono le specifiche di massima: processore Intel i5 o i7 (o almeno un A8 lato AMD). Almeno 8 Gb di RAM. Scheda grafica dedicata. (Vista la pletora dei componenti disponibili, questo è dire tutto e dire niente). Leggero ma non troppo: non lo porterò spesso in viaggio e certamente non in vacanza: se no che vacanza sarebbe? Un masterizzatore DVD incorporato è preferibile ma non necessario, ormai i supporti ottici si usano davvero poco. Non ho particolari esigenze lato hard disk: sono ancora lontano dal saturare i 300 Gb del vecchio desktop.

Dubbi: ho una certa antipatia per l’interfaccia grafica di Windows 8. E’ una cosa epidermica. Mi dicono che con 8.1 è migliorata. Ma tirare fino alla prossima incarnazione, che dovrebbe essere la 10 e arrivare tra un annetto, non mi va molto. E poi la stragrande maggioranza dei portatili hanno degli orribili schermi lucidi con una pessima resa dei colori. E non mi nominate la Mela Morsicata!

Il processo, direi, è quasi a convergenza. Qualche suggerimento su marche e configurazioni, sole da evitare o aspetti degni d’attenzione?

Verità scomoda

Mediatore-brano

Superata una certa età sarebbe il caso che ognuno si facesse un limpido esame di coscienza e si dicesse la verità. Ho superato la quarantina e, non essendomi ancora sposato, sarei tentato di riaffermare per l’ennesima volta la vecchia storiella che non ho mai trovato la persona adatta. Tutta sfortuna insomma, mica colpa mia che sono così bravo e intelligente e pure ragionevolmente in salute.

E la sento ripetere spesso. A me basterebbe uno così. Io sono di bocca buona, vorrei una colà. Che mi capisca / dolce / di carattere / l’aspetto conta ma poi no. E’ argomento di conversazione estenuante.

Ma poi mi guardo in giro, mi guardo allo specchio e mi specchio negli coetanei ambosessi con cui mi accompagno, e devo cambiare idea. Tutti mediamente sani, in forma, relativamente di buon senso e variamente intelligenti. Fatta salva la pace di qualcuno, non ci sposiamo perché non siamo adatti, perché non ne abbiamo voglia o perché abbiamo qualcosa che non va.

Facciamocene una ragione, d’altra parte se la cosa non ci piace, il primo passo per correggerla e esserne cosciente no?

Ecco qualche esempio. Abitudini inveterate di parlarsi addosso. Incapacità endemica di ascoltare il prossimo. Capacità di vedere solo il difetto altrui, o meglio sforzo per trovare la ragione per NON tentare una storia di media lunghezza e NON essere costretti a uscire dal bozzolo delle abitudini. Impressione di avere sempre un mare di tempo davanti e di doversi sempre qualcosa.

Si esce assieme perché si, magari si fa qualche bell’incontro, non si sa mai, e poi mica puoi stare a casa il sabato sera. Si condividono allegre chat uozzap e feisbuc.

E poi quel vizio di chiamarsi sempre ragazzi e ragazze, come se il tempo non avesse un senso. Uomini e donne? Non sia mai, sa di vecchio. Che poi è l’insulto peggiore.

Insomma abbiamo coltivato i difetti da ragazzini chiamandoli carattere o indole. Ci siamo identificati con loro fino a dire questo sono io.

Non è obbligatorio sposarsi, beninteso, e nemmeno fondare relazioni durature. Non mi sia messo in bocca quello che non ho detto. Ma diciamoci la verità. Tanti di noi rimaniamo “single”. O meglio soli, perché non diamo appiglia a un eventuale compagno/a. Restiamo come siamo perché ne abbiamo voglia. O perché non siamo capaci di fare altrimenti. O perché abbiamo una paura fottuta della condizione opposta.

In quale delle due categorie ricade il sottoscritto? Non lo so, appena lo capirò potreste essere i primi con cui lo condivido. O forse no.