Venticinque aprile, non dimenticare

25-aprile-2006_2

In anticipo sulla festività nazionale, con profondo senso di responsabilità civile, prendendo il coraggio a due mani, pubblico una poesia che scrissi quasi dieci anni fa, sulla teoria e la realtà di questa ricorrenza. La foto è originale di quel giorno: si vede quanto sono cambiati i telefonini in questi anni.

~~~

25 Aprile 2006

Tesa, solinga, al sol di primavera

assiste, tricolore, una bandiera.

Alla folla rada, di bimbi un coro

canta “o bella ciao”, scherzando tra di loro.

Foto in posa, con sindaco e assessori,

poi van via, ridendo, coi genitori.

 

Fiera è la voce dell’anzian che narra

di guerre, eroi, martiri, ideali e fedi.

Odon pochi, alcuni anziani, caparra

d’onor, che un dì all’anno, Aprile, concedi.

 

Maggiore l’enfasi, minori i consensi.

Nessuno dei bimbi è stato, col parente.

Ode chi vuole, e sol ciò che udir vuolsi,

ognun col suo pensier, con sua patente.

 

Seguono canti partigiani ignoti.

Vado. Stan, beati e plaudenti, i convinti.

Annunci