Ecologia spicciola

Lo dicono tutti, a cominciare da Greta Thunberg, lo ripetono in molti, rispettare l’ambiente, rallentare il riscaldamento globale e preservare un po’ del nostro futuro impone scelte radicali, ed è vero. Ma c’è bisogno anche di attenzioni quotidiane. Anzi, direi che se mancano queste, le grandi riforme sono chiacchiere utopistiche. Le scelte minute sono indici dell’attenzione al problema e della volontà individuale di cambiare stile di vita. Mi viene da dire che, al di la delle facili emozioni davanti agli scempi ambientali e alle manifestazioni di piazza, siamo fortemente carenti in questo senso. Ci sono gesti di attenzione all’ambiente che sono assolutamente banali ma che, guardando in giro, non sono quasi mai applicati. Eccone qualche esempio.

Schiacciare le bottiglie di plastica prima di buttarle. Banale vero? La soluzione ideale sarebbe non usare per nulla la plastica. Riciclarla è un’opzione di secondo ordine. Ma la bottiglietta di plastica vuota occupa un sacco di spazio. Schiacciandola ne entrano di più in ogni sacchetto e anche quella è plastica! Non ci vuole molto sforzo per schiacciare una bottiglietta, e allora perché quasi nessuno lo fa?

Stampare solo l’indispensabile. Altro suggerimento che si ripete sempre. Succede di lanciare una stampa per errore e consumare inutilmente carta. Dove lavoro io, il server di stampa è stato centralizzato. Tutte le richieste di stampa arrivano a un gestore centrale. Ogni utente può scegliere una stampante qualunque di quelle in rete, scegliere le proprie stampe e metterle su carta. Oltre a poter utilizzare qualsiasi stampante questo sistema consente di intercettare gli errori: se hai lanciato una stampa per sbaglio, puoi cancellarla dal server o semplicemente lasciarla li, dove verrà cancellata in automatico dopo alcune ore. Tutto bello, in apparenza, ma, nonostante questo, continuo a vedere fogli di stampe inutili abbandonati accanto alla stampante. Cosa stampate a fare quello che non vi serve?

Guidare piano. La guida “sportiva” aumenta i rischi e i consumi. Se avete fretta, partite prima. Se non avete fretta, che correte a fare? Se dovete sfogare lo stress, comprate un saccone da pugilato, oppure andate in bicicletta! Infatti guidare meno è una scelta decisamente ecologica e anche estetica. Le nostre città e paesi sono letteralmente invase di automobili che arrancano a velocità ridicola spargendo fumo e puzza. Vai a piedi se non devi andare davvero lontano. Usa i mezzi pubblici anche se ti tocca partire qualche minuto prima. Essere pigro fa male all’ambiente e anche a te.

Sempre in tema di trasporti privati, quanto costano gli incidenti stradali da un punto di vista ambientale? Ci penso ogni volta che finisco in una coda causata da un piccolo incidente, dove per fortuna non si è fatto male nessuno. Decine e centinaia di automobili che consumano carburante ed emettono fumi restando ferme o quasi. Nessuna assicurazione compensa per questo danno economico e ambientale. In misura minore, parcheggiare in posizione non idonea, ad esempio, costringendo le altre auto a rallentare e fare manovre ne aumenta i consumi e quindi l’inquinamento. In generale direi che rispettare il codice della strada è ecologico.

Lavarsi le mani con acqua fredda. Nei pochi bagni pubblici o di uffici che hanno l’acqua calda trovo sempre la leva spostata tutta a sinistra. Ma vi piace scottarvi le mani? E poi chiudere il rubinetto dell’acqua quando non serve. Se vi spazzolate i denti o vi rasate la barba per tre minuti non serve far scorrere l’acqua per tre minuti a massimo regime e magari pure calda! Apritela solo quando vi serve! I rubinetti moderni sono abbastanza affidabili e non vi si romperanno in mano.

Internet non è gratis, da un punto di vista di portafogli e pure ambientale. Il “virtuale” alleggerisce il carico economico e ambientale rispetto al “fisico” ma non è a costo zero. Quanti grammi di CO2 “costa” una banale ricerca? E quanti una mail o un messaggio social? È proprio necessario riprendere e condividere con gli amici e il mondo ogni cosa che fate? Ogni volta che accediamo alla rete non consumiamo solo energia “localmente”, sul nostro dispositivo, ma attiviamo una serie di modem, router e server sparsi in tutto il mondo. Il carico energetico connesso all’infrastruttura internet è ormai di rilevanza mondiale. Non dico non usate la rere – lo sto facendo in questo momento – ma fatelo con un po’ coscienza!

Impostare e pretendere riscaldamento e aria condizionata ragionevoli. In un albergo in cui sono stato il riscaldamento era fissato a 22,5°C e non si poteva cambiare. La notte era davvero scomodo per dormire. Fuori la temperatura scendeva fino a 3°C di notte. Quanta energia si poteva risparmiare abbassando la temperatura di appena due o tre gradi, senza ledere la comodità di nessuno?

Insomma, mentre applaudite alla coriacea ragazzina bionda con le trecce, o anche se la criticate, riflettete su come mettere in atto almeno qualcosa di utile per l’ambiente!

Annunci

L’inefficienza dell’informatica

Virtualizzare. Rinunciare alla carta. Ridurre gli spostamenti fisici di cose e persone. L’informatica è pubblicizzata ovunque come un mezzo per ridurre l’impatto ambientale delle attività umane. Virtuale uguale ecologico nella vulgata ma… C’è un ma, come sempre. Computer, telefonini e server consumano tanta energia – sempre di più, fino al 5% del consumo elettrico complessivo negli USA – e generano tanto calore.

Al punto che l’impatto ambientale delle attività “informatiche” in seso lato sta diventando rilevante. Insomma, anche la nostra amata connessione globale ha il suo impatto ecologico globale. Quanti grammi di CO2 costa ogni minuto di svago su Candy Crush? O ogni post condiviso sui social? Moltiplichiamolo poi per milioni, anzi per miliardi.

Cosa fare? La tecnologia rende l’elettronica più efficienti, bisogna fare passi avanti ma anche lavorare sul software: la maggior parte di quello attuale è altamente inefficiente, gonfio e lento, fatto di strati su strati di codice mai aggiornato o veramente verificato.

Il web è in uno stato simile: i siti diventano sempre più pesanti a causa di pubblicità, video non richiesti, informazioni d’ogni tipo trasmesse da e verso l’utente o scambiate fa nodi e server diversi, per cui anche con una rete veloce è necessario attendere, per caricare un’informazione, quasi lo stesso tempo che era necessario con connessioni di vecchia generazione (oltre a consumare energia ad ogni passaggio).

Finora l’inefficienza del software è stata mascherata dall’evoluzione dell’hardware. Processori sempre più veloci, assieme a memorie, dischi e schede grafiche di prestazioni crescenti, hanno consentito di mascherare la lentezza di programmi costruiti assemblando pezzi e aggiungendo funzioni, con minima cura della piena integrazione e il solo obiettivo di stupire l’utilizzatore e arrivare sul mercato prima della concorrenza.

Sono uno di quelli che pensano che un vero progresso dell’informatica possa venire ripensando i programmi che utilizziamo, cominciando con i sistemi operativi e proseguendo con gli applicativi d’ogni genere. (E stiamo diventando lentamente più numerosi ad avere un’opinione di questo tipo). Più sostanza e meno apparenza, più efficienza e stabilità a costo di qualche funzione in meno e qualche attesa in più per la nuova, magica versione.

Se l’evoluzione dell’hardware dovesse rallentare, diventerebbe prioritario mettere mano al software, per ottenere progressi importanti sulle prestazioni. L’efficienza, poi, è un obiettivo fondamentale: non possiamo permetterci di dissipare energia in cicli inutili, il riscaldamento globale è una realtà e ogni ricerca sul web, ogni post, ogni “mi piace” o faccina sorridente, per non parlare delle infinite attività ad alto consumo di CPU, aggiungono grammi di CO2 all’ambiente (e non pochi).

C’è probabilmente un problema di maturità del settore industriale: la vendita dei computer fissi è in declino, quella di portatili e tablet quasi stabile e solo quella dei telefonini continua a crescere: di fatto è l’unico settore in cui il consumatore si sente ancora invogliato a provare il “nuovo” e si sente limitato dal “vecchio” di appena uno o due anni. Ci avviciniamo forse alla fine della fase di “boom” e, a meno di innovazioni tecnologiche rivoluzionarie (sempre possibili), procederemo in una fase di consolidamento e ottimizzazione, un po’ come è accaduto per l’industria dell’automobile. Ma, in ogni caso, abbiamo bisogno di rendere “verde” anche l’attività umana all’avanguardia per definizione: quella virtuale! E poi, l’utilizzo dovrebbe diventare più consapevole e “educato”.

I grandi dubbi…

c3qilh_wyaezpjh

L’attrice protagonista di un film porno è una ragazza montata?

In un concorso di cuochi bisogna rispondere a domande di cottura generale?

Un cuoco che muore lo espongono nella camera al dente?

Un vegan può uscire fuori di seitan?

I calzolai moderni sono ancora in grado di fare lo zoccolo duro?

Una mattina di cielo limpido è una prima visione assolata?

Un pittore ecologico dipinge con i pennelli solari?

L’ultimo stadio è dove si gioca la finale di campionato?

In un centro tricologico, per mandare via un cliente esagitato gli dicono: “La prego, stia calvo”?

Se ti chiedono di andare a pescare mitili per te è un invito a cozze?

Chi prepara gli abiti per un film porno si chiama scostumista?

Pincopallo, Tizio e Caio si conoscono?

Se al posto dello stipendio ti danno una macchina è un l’auto compenso?

(Mi scuserete un post leggero e sconsiderato, spero, una volta tanto)

11952871_10206182206572824_2925539894760801784_o

Estirpiamo le erbacce, Grillo?

E piantiamo fiori. Grillo, tu l’hai mai fatto?

Per ottenere lettori, a quanto pare, è necessario parlare di Beppe Grillo. Siccome non ne ho voglia, mi limito a nominarlo rigorosamente a vuoto e poi procedo a parlare d’altro.

Che io sappia, Beppe Grillo non si è mai occupato della pulizia delle aiuole nella città di Napoli. Per questo si sono impegnati gli amici di Adda Passà ‘a Nuttata. Con loro c’era un bel po’ di gente: scuole, Scout, i missionari comboniani, noi dello Shekinà – in pochi come sempre – ma anche tanti volontari “estemporanei”, gente che ci ha visti e si è voluta fermare a darci una mano.

Perché l’ambiente, urbano e non, lo preservano le persone, non le leggi. Noi facciamo fatti, non parole. Nelle manifestazioni di Grillo non si mettono a piantare fiori ed alberelli. Va detto che lui è molto più sul pezzo, io scrivo a settimane di distanza dagli eventi, non c’è paragone. La data, infatti, era domenica 22 aprile.

Beppe Grillo non mi ha mai bucato la gomma della macchina, ma a quanto parrebbe qualcuno l’ha fatto. Forse estirpare le erbacce da fastidio anche quando non è in senso figurato ma proprio pratico, di giardinaggio; oppure è solo colpa delle nostre strade sporche?