Addio, Professore (addio, Totò)

c-gerkzxgael_lt

Ci sono personalità che, pur non essendo parenti stretti, ti accompagnano per un tratto importante della vita e che rappresentano, per te, un punto di riferimento. Per questo quando, alla fine, ti lasciano senti un vuoto e avverti una mancanza. Qualcosa viene a mancare e ti accorgi, in quel momento, della precarietà della vita su questo pianeta. I motivi sono diversi, ma ritengo che il più importante sia che essi, in qualche misura, sono l’immagine di quello che vorresti essere.

È il caso delle personalità famose, che attirano folle ai funerali e per loro la gente lascia tappeti di candele e fiori per le strade. Ce ne sono altri meno universali ma ugualmente importanti, per il singolo.

È stato il caso di Totò, che ora tutti celebrano e non mi sembra vero che sia morto prima della mia nascita: l’ho considerato un compagno costante della mia infanzia e adolescenza e, a tutt’oggi, se trovo un suo film in TV non posso fare a meno di fermarmi a riguardarlo, almeno per qualche minuto. E torno a ridere, incredibilmente, a quelle battute che dovrei conoscere a memoria, come se ogni volta ne scoprissi una sfumatura diversa.

Totò è particolare e universale, napoletano fino nel midollo e cosmopolita per vocazione. Comico al limite del pagliaccesco e malinconico a un tempo. Popolare e filosofico. La maschera che insegna senza pretendere di essere d’esempio.

Un altro personaggio di questo genere è stato per me il prof. Luigi Pascale, che ci ha lasciato recentemente. Pur non potendo dire di averlo mai frequentato, era importante sapere che fosse li e seguirne, indirettamente, le imprese.

Fondatore della Partenavia e della Tecnam, riferimento mondiale riconosciuto nella progettazione di aerei leggeri, docente alla facoltà d’ingegneria di Napoli, realizzò, da ragazzo, il suo primo aereo nel garage di casa, a via Tasso a Napoli. Sempre impegnato con entusiasmo in nuove idee e progetti, attivo nelle sue imprese fin quasi alla fine. Sapeva insegnare a progettare aeroplani come se si trattasse del mestiere più semplice del mondo. Per lui la vacanza estiva era il momento per avviare progetti nuovi. Difficile ripercorrerne tutte le vicende. Un uomo libero che ha vissuto intensamente e a modo suo, fino all’ultimo. La dimostrazione vissuta che si può fare imprenditoria ad alto livello al Sud. I suoi aerei volano, a migliaia, in ogni angolo del mondo.

È stato – almeno per come l’ho conosciuto – prima di tutto un progettista e un sognatore. Per i suoi allievi di una lezione o di anni, noi che razzoliamo quotidianamente tra imprese e università, vicino o lontano dalla sede d’origine napoletana o dall’ambito aeronautico, è l’esempio che si può portare la professione tecnica a un livello più alto della “semplice” risoluzione di problemi, in ogni luogo e ambito

Mi onoro di avere la sua firma sul libretto degli esami e l’autografo su un suo libro. Addio Professore.

Riporto, per chi volesse iniziare ad approfondire, due articoli sul prof. Pascale nel mio blog di storia aeronautica.

http://www.fremmauno.com/2014/09/tre-articoli-sul-prof-pascale.html

http://www.fremmauno.com/2014/01/pascale-e-gli-alianti.html

Una passeggiata a Capua

E’ da un po’ che mi è presa la mania della fotografia. Nel fine settimana “giro” sempre con una fotocamera compatta in tasca o nella tracolla, perché scattare con il cellulare non mi soddisfa. Usare la reflex, invece, è una vera e propria soddisfazione Se trovo uno scorcio, un angolo o un dettaglio che mi incuriosiscono mi piace essere pronto a fermarli. Trovo che sia un modo per imparare a guardare con più attenzione.

Ormai da mesi impiego solo fotografie mie per i post e penso che sia arrivato il momento per un articolo solo fotografico: istantanee da una passeggiata a Capua, con gli intrecci fra resti di epoche diverse come tema conduttore.