Evviva la musica liquida, ma anche quella solida

Foto-audio-02

A cosa servono, ormai, compact-disc e dischi di vinile? Tecnologie sorpassate, antiquariato. Buone a nulla, si direbbe, nell’epoca in cui la musica si scarica da Internet, i ragazzi l’ascoltano in cuffia dal lettore o dal cellulare e perfino gli audiofili discorrono di formati ad alta risoluzione. Gli esperti del marketing, o forse il passaparola, hanno già coniato il nome: la Musica Liquida. Il mio ultimo acquisto, in questo campo, è proprio un convertitore da collegare al mio netbook, per farlo funzionare come una sorgente audio ad alta fedeltà.

A cosa servono, mi chiedevo, ed almeno una risposta l’ho trovata. Ad imbatterti, tra negozi, bancarelle e mercatini, in musica che non avresti mai cercato su Internet. All’acquisto casuale, fatto per pura curiosità davanti a un titolo, un nome o un’immagine di copertina, magari per pochi euro.

Internet non è adatta allo scopo, mi dispiace. Nonostante gli sforzi, gli algoritmi per catalogare i gusti, i lustrini e le assonanze forzate tra prodotti. Da un lato è troppo aperta: tutto si può vedere e ascoltare prima di comprare, non c’è più il fascino del rischio, dell’ignoto, della sorpresa da valutare poco alla volta. Un brano musicale si giudica senza comprarlo, al primo ascolto, in pochi secondi, non te lo ritrovi a casa a gustare con calma – tanto i soldi li hai già spesi – a mandarlo a quel paese e poi magari risentirlo, con un altro stato d’animo, mesi o settimana dopo, e accorgersi di sentirlo diverso, e scoprirne aspetti che avevi sorvolato.

Dall’altro lato è troppo chiusa, internet, decisamente asettica. Informatica a prescindere dagli sforzi dei suoi guru. Non può darti il senso fisico dell’oggetto. Vedi un’immagine fatta di tanti quadratini colorati che è l’ombra della cosa vera. Non ne senti l’odore ne l’impressione tattile, la consistenza fisica, neppure le vere proporzioni riesci a intuire. Tutto è relativo, liscio al tatto, con gli stessi colori di ogni altra cosa, ingrandibile o rimpicciolibile a piacimento con un “pinch” o una rollata di mouse.

E lo dico a malincuore, da vero appassionato del computer quale sono. Ci passo le giornate di lavoro e, alla sera, accendo il mio invece di guardare la televisione. Ma la verità richiede onestà.

Insomma con il commercio elettronico guadagniamo l’accesso facile e veloce a un’infinita di merci, come in una specie di sterminato bazar dove ogni genere di paccottiglia siede fianco a fianco agli oggetti di lusso. Dall’altro perdiamo il gusto della ricerca casuale, di quella che impolvera le mani e ti pone davanti agli occhi ciò che non ti aspetti.

Annunci

Pensieri sparsi di un simil-audiofilo, o meglio uno a cui piace ascoltare musica in modo decente

CD alla canna del gas.

Si è sparsa nei dintorni la moda di appendere vecchi CD o DVD, come trucco per tenere lontani i colombi ed evitare che imbrattino ringhiere e balconi.

Un po’ di tempo fa – qualcuno se lo ricorderà – si era diffusa la voce che fossero utili per ingannare gli autovelox e che bastasse appenderne uno o due al lunotto posteriore dell’automobile per correre a volontà senza la paura di ricevere multe salate. Questa leggenda metropolitana è durata poco e chissà che non accada lo stesso per la nuova. Qui un aspetto logico sembra esserci: il dischetto di plastica ed alluminio riflette la luce e, muovendosi per il vento, dovrebbe intimorire gli animali o almeno fargli sembrare il posto non troppo sicuro per appollaiarsi e rilassarsi. Per la verità ci ho provato anch’io e starò a vedere i risultati.

Forse prima o poi verrà fuori una razza di colombi furbi che non si fanno ingannare da certi scherzi da due soldi che in pratica sono l’incarnazione post-moderna dei vecchi spaventapasseri. Ma non è questo l’aspetto che voglio evidenziare. Secondo me i CD ed i DVD appesi in giro con pezzetti di spago sono il segno della fine di una tecnologia e, in una certa misura, della fine di un’epoca, quella dei “supporti solidi per il multimediale”.

Colombo impudente

I CD sono stati per alcuni anni l’immagine stessa della tecnologia, nessuno si sarebbe sognato di appenderli in giro: erano troppo costosi, ma soprattutto troppo cool, per un trattamento così degradante.

Prima di loro la stessa sorte era toccata alle videocassette. Prima ancora alle musicassette, supporti analogici che erano riciclati quasi all’infinito, con successive riscritture e riscritture, e gettati via solo quando erano ormai distrutti ed inservibili. Poi sono venuti i DVD. Poi ancora, in teoria, i Blue-Ray, ma quanto si sono davvero diffusi?

Perché nel frattempo è cambiato tutto: è stata inventata Internet e soprattutto le connessioni a banda larga. Ormai non serve comprare CD o DVD, in rete si trova tutto o quasi.

SACD e DVD-A. Chi conosce questi loghi?

I segni della crisi dei “supporti solidi” sono dappertutto: i pochi negozi di dischi sono sopravvissuti trasformandosi in locali alla moda o in tane per collezionisti. Nella grande distribuzione e nelle librerie lo spazio, soprattutto quello per la musica, è sempre minore e in buona parte occupato da offerte speciali, utili per svuotare il magazzino. Sarebbe una buona occasione per gli appassionati, ma anche il nostro spirito sta cambiando: il modo in cui le cose ci vengono mostrate cambia i nostri sentimenti verso di loro e, diciamocelo, i CD sanno di passato e di stantio, di old-economy.

Selettore d’ingressi vecchio stile

Tutto ha i suoi pro e contro: non ci sono più i negozi di dischi, con i commessi appassionati (a volte) a cui chiedere consigli e gli incontri casuali tra gli scaffali con il disco della vita. Su Internet può accadere qualcosa del genere? Forse, ma non ne sono certo.

Peggio ancora, ci stiamo abituando a sentire la musica in bassa qualità, registrata male e mal convertita in MP3 a basso bit-rate. Non mi dite che suonano uguale al CD, forse solo su lettorini da due soldi.

Questo sono gli aspetti che mi preoccupano di più: il ridursi dei rapporti umani e la standardizzazione su qualità basse, proprio quando gli strumenti tecnici consentirebbero l’esatto contrario. Non si tratta di tornare al passato. Chi ne ha voglia? Io no di certo. Ma di spingere la tecnologia ed il mercato verso qualcosa di meglio. Scaricate la musica in formato FLAC, senza perdite di qualità, ad esempio. Parlatene con gli amici e discutetene, anche in forum e blog. Alimentate i siti che hanno una mentalità aperta sulla tecnica e la qualità senza pensare soltanto al soldo. E, soprattutto, pensate con la vostra testa!