Quello che

DSC_0708_Finestra-sul-mare

Iniziamo il 2018 in versi. Come sempre, richiedono lettori pazienti. In un certo senso, contiene dei propositi.

***

Quello che non ho

È la forza di crederti contro me stesso,

La mania di forzare il destino e il suo passo,

L’avidità per sacrificare il presente al possesso,

L’incoscienza di chi, fatto il danno,

Dorme con sonno di sasso.

.

Quello che non ho più

È la pazienza inerte d’aspettare

Il meglio che non ha voglia di venire

E la volontà di sforzarmi per assecondare,

Ancora, quelli che non vogliono cambiare

– Moventi gravi del mio passato errare –

.

Quello che mi resta

È l’appetito di lieve vita,

Variegata d’affetti a tratto di matita,

Una maglia di passioni mista e intricata

E un impegno quotidiano di lunga durata,

Che assaporino di senso i minuti e la giornata.

.

Quello che ho ritrovato

E’ ciò che non potrò mai cambiare,

In me, per sopravvivere, un’esigenza

Che m’impone d’affrontare

L’inerte e il vecchio, di scalzare

Gli ostacoli a una più onesta sussistenza,

Come scorie che opprimono il cuore.

Un’ottusa, irragionevole insistenza

A faticare ogni dì, realizzare con pazienza,

Con lenta, ottusa, quotidiana coscienza,

Qualcosa che abbia dignità di restare.

.

Quel che mi ha trovato

È un amore un po’ stonato,

Che non l’annega, ma dà senso al resto

Ed è motivo per cui, non inerte, resto!

Come una pozza di pace liscia,

Fresco e piccolo, che non spiega

Il baratro nero dove la vita si lascia,

Ma scorre nell’orcio del cuore, a sorso e goccia.

È una speranza che ritrovo a ogni piega

Della vita e a cui m’unisce una fascia

Forte, come quella che mi lega

A questa pazza, compagna d’amore, che non mi lascia,

Beato me.

Annunci

Una vita a caccia di offerte

Caccia-Offerte

Sempre aperta la stagione di caccia alle offerte

Tra colleghi e conoscenti s’è aperto un nuovo fronte di passatempo, al quale per la verità non mi dedico, che consiste nel cercare la migliore offerta telefonica.

Per quanto riguarda le tariffe per i telefonini cellulari, lo sport dell’offerta a inseguimento era in voga ormai da anni. La novità è che si è esteso da un po’ al telefono fisso di casa e, soprattutto, all’internet ad alta velocità, divenuta di colpo indispensabile per gli “streaming”, ovvero per le trasmissioni televisive via web a pagamento o piratate.

Si affianca a innumerevoli altre caccie: assicurazione auto, forniture luce e gas, offerte speciali di elettronica e materiale per la casa, sconti alimentari. Eccetera.

Niente di male, direte voi. Non esiste nulla di più stupido della fedeltà a un marchio o a un fornitore. Sarebbe da perfetti idioti preoccuparsi per un’azienda che non ha cura dei suoi clienti. Le compagnie telefoniche hanno il coltello dalla parte del manico e ai poveri comuni mortali consumatori non resta che farsi furbi e tentare di barcamenarsi per pagare il meno possibile, se non fosse che questo “pagare” è legato ogni vola a una necessità nuova che, fino a poco tempo prima, nessuno sentiva di avere.

Una volta si premiava la fedeltà dei clienti, oggi rimanere con un fornitore a lungo è la migliore garanzia di non vedere offerte positive e si premia solo il “tradimento”, ovvero rubarsi clienti l’uno con l’altro.

Un gesto un tempo semplice, come pagare la bolletta del gas o telefono, diventa un barcamenarsi mese per mese fra offerte e gestori, saltando dall’uno all’altro al primo campanellino di uno sconto o all’allarme della fine del periodo d’offerta. Processo indolore fino a un certo punto, se non fosse che richiede tempo (prezioso per definizione) e lascia potenzialmente una scia di contenziosi a loro volta forieri di ulteriori perdite di tempo e denaro.

 

SmallDSC_1204_tiger-torino-articoli-inutili

Regola generale del commercio: metti assieme abbastanza roba inutile e ognungo troverà qualcosa che gli piace

 

La cosa mi ha portato a qualche altra riflessione. Come spesso accade, il piccolo è immagine del grande e, come tale, talvolta più facile da capire. Questa caccia continua all’operatore conveniente dell’istante – e parallelo allettamento degli operatori al cliente perché si decida a cambiare – mi sembra emblematica della nostra società, che è diventata quella dell’instabilità.

Lunga la disquisizione sui motivi: la globalizzazione, il consumismo, le crisi finanziarie, scelte politiche più o meno discutibili e fatte con più o meno cognizione di causa. Sta di fatto che, venuti meno i punti di riferimento, tutto è instabile e precario: i rapporti di lavoro, per cominciare, come anche i matrimoni, il luogo di abitazione, e con queste cose anche le relazioni di conoscenza e di amicizia e perfino i rapporti di parentela.

La cultura dominante – e assiduamente coltivata da aziende, associazioni di consumatori, “opinion leader” e passaparola – è di afferrare l’occasione appena si presenta, senza guardare al passato e con prospettive minime nel futuro: pochi mesi, talvolta appena qualche settimana o perfino giorni prima di un nuovo cambiamento. I vantaggi possono essere anche minimi purché siano immediati. Pochi maledetti e subito, come si dice. Lo sconto alla cassa, il piacere a portata di mano. La precarietà come stile di vita scelto prima che imposto. La programmazione ridotta al minimo. Dai beni di consumo alla vita pubblica e privata. Se metto su famiglia, durerà finché dura “l’amore”. I figli nasceranno con me e forse ci cresceranno, oppure no, secondo come verrà. Siamo pronti a una società non solo senza programmi a lungo termine, ma neppure a medio?

Forse è anche per questo che la gente è così attaccata al suo telefonino. Tutto ciò su cui puoi davvero contare è quello che hai addosso, quello che puoi toccare, vedere e usare o almeno entrare in contatto ora, ciò che è immediatamente a portata di mano in questo momento e luogo. Quello che vuoi condividere devi farlo adesso, senza nemmeno aspettare di tornare a casa e accendere il computer, perché poi non si sa.

La qualità è quella che è, ci si deve accontentare: la fotografia istantanea, il mobile di battaglia, il cibo pronto in dieci minuti, il sesso la prima notte.

L’uomo 2.0 è l’individuo del qui-e-ora. E’ l’uomo del momento, ovvero concentra tutta la sua attenzione sul qui e adesso. Tutto il resto è puramente ipotetico e labile. Il mondo, l’umanità intera sono una semplice ipotesi che può essere smentita in qualsiasi istante.

Verità scomoda

Mediatore-brano

Superata una certa età sarebbe il caso che ognuno si facesse un limpido esame di coscienza e si dicesse la verità. Ho superato la quarantina e, non essendomi ancora sposato, sarei tentato di riaffermare per l’ennesima volta la vecchia storiella che non ho mai trovato la persona adatta. Tutta sfortuna insomma, mica colpa mia che sono così bravo e intelligente e pure ragionevolmente in salute.

E la sento ripetere spesso. A me basterebbe uno così. Io sono di bocca buona, vorrei una colà. Che mi capisca / dolce / di carattere / l’aspetto conta ma poi no. E’ argomento di conversazione estenuante.

Ma poi mi guardo in giro, mi guardo allo specchio e mi specchio negli coetanei ambosessi con cui mi accompagno, e devo cambiare idea. Tutti mediamente sani, in forma, relativamente di buon senso e variamente intelligenti. Fatta salva la pace di qualcuno, non ci sposiamo perché non siamo adatti, perché non ne abbiamo voglia o perché abbiamo qualcosa che non va.

Facciamocene una ragione, d’altra parte se la cosa non ci piace, il primo passo per correggerla e esserne cosciente no?

Ecco qualche esempio. Abitudini inveterate di parlarsi addosso. Incapacità endemica di ascoltare il prossimo. Capacità di vedere solo il difetto altrui, o meglio sforzo per trovare la ragione per NON tentare una storia di media lunghezza e NON essere costretti a uscire dal bozzolo delle abitudini. Impressione di avere sempre un mare di tempo davanti e di doversi sempre qualcosa.

Si esce assieme perché si, magari si fa qualche bell’incontro, non si sa mai, e poi mica puoi stare a casa il sabato sera. Si condividono allegre chat uozzap e feisbuc.

E poi quel vizio di chiamarsi sempre ragazzi e ragazze, come se il tempo non avesse un senso. Uomini e donne? Non sia mai, sa di vecchio. Che poi è l’insulto peggiore.

Insomma abbiamo coltivato i difetti da ragazzini chiamandoli carattere o indole. Ci siamo identificati con loro fino a dire questo sono io.

Non è obbligatorio sposarsi, beninteso, e nemmeno fondare relazioni durature. Non mi sia messo in bocca quello che non ho detto. Ma diciamoci la verità. Tanti di noi rimaniamo “single”. O meglio soli, perché non diamo appiglia a un eventuale compagno/a. Restiamo come siamo perché ne abbiamo voglia. O perché non siamo capaci di fare altrimenti. O perché abbiamo una paura fottuta della condizione opposta.

In quale delle due categorie ricade il sottoscritto? Non lo so, appena lo capirò potreste essere i primi con cui lo condivido. O forse no.