Collezione di finestre

Finisco sempre per fotografare finestre.

La finestra stimola la curiosità e ti invita a sbirciare dentro, per cogliere un attimo di una vita diversa dalla tua.

La finestra è un collegamento fisico e visivo tra il dentro e il fuori e mescola le caratteristiche di queste due realtà contigue. La finestra è un compromesso fra i condizionamenti imposti dall’ambiente esterno e i desideri di chi vive l’interno. E’ personalizzata e ha i segni del luogo. Si adatta a gusti e climi. Può essere ricca o povera, florida o cadente, spoglia decorata, con o senza grate, ante, imposte, tende, vasi di piante.

Insomma, se ti sforzi di leggerla, la finestra ti rivela tanto del posto, delle persone e delle loro interazioni.

Nei centri storici delle nostre città (in questo caso quell’unico nazionale che è Caserta Vecchia) o nelle isole (Ischia) è facile individuare delle peculiarità e si rischia di cadere nel pittoresco, ma anche le funzionali e geometriche finestre moderne, da zona residenziale, possono non essere anonime e più sono vissute e meno lo sono.

Come sono le vostre finestre? Classiche o moderne? Eleganti o funzionali? Personalizzate o anonime?

Pieno di parole (straniere), vuoto di contenuti

c4e448da-f4a4-11e3-9d90-123139077938-original

Forse l’unica campagna mediatica fascista che mi abbia mai suscitato una qualche simpatia e quella contro le parole straniere. Non certo per il modo in cui era condotta, e le ridicole forzature per evitare, a tutti i costi, i termini non contemplati dalla Crusca, ma per l’abuso che se ne fa oggi, molto spesso a sproposito.

Mi infastidisce l’accettazione acritica dei termini stranieri, come se alcune cose avessero senso solo se dette in un’altra lingua. Secondo me nasconde un complesso d’inferiorità, la sensazione che noi italiani non siamo capaci di fare le cose bene come le fanno all’estero. O banalmente maschera l’ignoranza dietro i termini.

La commistione delle lingue è un fatto naturale. La pretesa della lingua pura è assurda e pericolosa quasi quanto quella della razza pura. I termini stranieri arrivano per osmosi culturale e, progressivamente, si assorbono nel linguaggio d’arrivo. La mia lingua napoletana, per dire, è piena di francesismi o spagnolismi, trasformati per integrarsi al suono generale del dialetto: “buatta” per lattina o “butteglia” per bottiglia sono chiaramente derivazioni francesi, non italiane.

Ma in Italia i termini stranieri si adottano in modo acritico, spesso senza chiedersene davvero il senso, e ostentati come un valore in se, come se quello che si dice assuma rilevanza solo perché detto in quel modo. E spesso è proprio così: l’inglesismo maschera il vuoto d’idee.

Qualche volta i termini stranieri sono davvero difficili da tradurre o soppiantano un italiano davvero mal suonante (sentivo, una volta, che la traduzione di “trolley”, nel senso di bagaglio con le ruote, sarebbe “rullovaligia”!) ma altre non si fa nemmeno lo sforzo di cercare! Sono dei puri e semplici doppioni, e l’abbandono dell’italiano è del tutto ingiustificato e arbitrario. Perché mai dire “start-up” sarebbe meglio che “nuova impresa”? “Spread” è per me semplicemente “differenza” o “divario” dei tassi d’interesse, tra un Paese e l’altro. Perché i cronisti della Formula 1 parlano ora di “power unit” invece che di “motore” delle monoposto? Troppo banale? Perché riempirsi la bocca di “target” e “goal” invece di “bersaglio” e “obiettivo”? Perché fa pìù “trendy”? Ovvero alla moda?

Peggio ancora sono solo certe italianizzazioni forzate, tipo “brandizzato” o “ceccato” con cui si vorrebbe dimostrare di aver davvero assimilato quello che si sta dicendo.

Una fonte inesauribile di termini inglesi è l’informatica e i suoi derivati. Purtroppo i tecnicismi che una volta connotavano soltanto gli “addetti ai lavori” si sono diffusi e diventati di uso comune, molto spesso a proposito, anche e in primo luogo perché chi li usa non ha una vera idea di cosa vogliano dire. Per cui bisogna stare sul “cloud” per un valido “spin-off” che sia “cost effective” e agire “on demand” del “customer”, per intendere che bisogna tenere i dati in rete per risparmiare e fare quello che vuole il cliente.

Non ci credete quando vi sussurrano, con saccenza, che la parola inglese “non ha equivalente in italiano” o “ha significati intraducibili” o “sfumature che in italiano si perdono”, il più delle volte è pura pigrizia mentale o, peggio, tentativo di contrabbandare paccottiglia per crema di sapere. Alla fine, si usano parole strane quando si vuole confondere le idee o nascondere l’ignoranza di fondo. Accade con i paroloni italiani e si ripete, più diffusamente, con i termini stranieri.

Nel mio piccolo, nel mio romanzo parlo di “tavoletta”, non “tablet” per indicare un computer sottile e senza tastiera, “sito di chiacchiere” invece di “chat”, “comunicatore” per l’evoluzione degli odierni “smart-phone” e uso “computer” soltanto perché “calcolatore” e “elaboratore” sono ormai, purtroppo, in grave disuso.

Ecco, per concludere, un inizio di tabella di sostituzione inglese-italiano, per alcune espressioni superflue ma alla moda, da espandere a piacere e usare alla bisogna.

Award -> Premio / riconoscimento
Call conference -> Riunione telefonica
Check -> Controllo
Fair play -> Lealtà sportiva
Goal -> Obiettivo
Gadget -> Accessorio
Meeting -> Incontro / riunione
(Data) streaming -> flusso (dati)
Target -> Bersaglio
Template -> Formato-tipo
Topic -> Argomento
Test -> Prova
Window -> Finestra

Per Grazie Ricevute

A volte luogo ed indirizzo sono fuorvianti. Man mano che ti avvicini, l’ambiente sembra sempre meno giusto. Se la porticina del teatro si trova tra mobilifici e sale da ballo ti (mi) sembra di essere nel posto sbagliato, un luogo finto, un paesaggio stralunato costruito a tavolino.

Entri e la piccola sala è strapiena, ma il clima è disteso, famiglie e gente – la tua gente – d’ogni età. Ti armi d’iniziativa e ti piazzi con una comoda sedia imbottita proprio sotto al palco, quindi aspetti l’inizio della rappresentazione.

Le luci si abbassano, il sipario si apre e, come nella più banale delle favole, in pochi minuti inizia la magia.

Per Grazie Ricevute” di Vincenzo Pianese è una commedia leggera nel senso positivo del termine, ovvero senza pesantezze, priva tanto orpelli eruditi quanto di scadimenti gratuiti nella volgarità. La storia è semplice ma non banale e tiene assieme una sequenza di sketch, o meglio macchiette, alcune delle quali sfiorano il magistrale.

Insomma, le due ore dello spettacolo scorrono via veloci, che poi è esattamente l’intento dell’opera. Chi continua a pensare che la cultura sia qualcosa di pesante ed avulso dal territorio sarebbe dovuto passare a Villaricca al teatro Madre Arte, sabato sera, per vedere la compagnia Erga Omnes dare un esempio di come si fa cultura, con fatica e passione, nella realtà stessa delle persone.