È solo musica da scaricare

Per me fare le cose legalmente ha sempre un gusto particolare. Anche non pagare ha un gusto particolare e quando si riescono a combinare le due cose è proprio il massimo della goduria. Non avere fastidi come pubblicità o raccolta di dati personali rende il tutto più difficile, ma non impossibile. Per ascoltare e anche scaricare musica gratuitamente, legalmente e senza pubblicità o “pedinamenti informatici”, ad esempio, ci sono possibilità, ovviamente se non cercate le ultime “hit” del momento. Eccone alcune.

Per la musica classica un ottimo motore di ricerca è Classic Cat.

https://www.classiccat.net/

Da qui ci si riparte su una rete di siti piccoli e grandi. Non sempre la qualità è eccellente, ma cercando un po’ si trovano belle cose. Non mancano registrazioni di esecutori “nobili”. Uno dei riferimenti più frequenti è il “nostrano” Liber Liber, preziosa risorsa per cercare anche ebook e altro materiale culturale “datato” ma valido.

Per il Jazz invece è interessante visitare Jazz On Line:

http://www.jazz-on-line.com/index.htm

Molte registrazioni storiche – la qualità a volte è quella che è ma legata alla tecnologia del tempo – e diverse chicche. Purtroppo anche molti link “morti”.

Per la musica pop, rock, elettronica e in generale contemporanea, si può andare su siti che consentono a artisti minori o esordienti di farsi conoscere. Ad esempio Free Music Archive.

http://freemusicarchive.org/

Magari trovate qualche artista da seguire.

Insomma, c’è modo di regalarsi ore e ore di ascolto, anche confrontando diverse esecuzioni degli stessi pezzi. E questo è il risultato soltanto di qualche ricerca: di certo c’è molto, molto di più.

Annunci

Discorsi in fumo

spiredifumo

Sto notando sempre più persone in giro con la “sigaretta elettronica”. Forse non le riconosco tutte, perché alcuni di questi aggeggi sono fatti in modo da somigliare ad una sigaretta comune, forse appena più grandi, ed hanno perfino la punta che si accende (un led?) per simulare il tabacco che brucia, mentre altri sono più riconoscibili, perché a forma di fischietto, bocchino, pipetta o qualcosa del genere, e di colori vari. Quest’ultima soluzione mi sembra più razionale: lo scheumorfismo estremo mi sa un po’ di puerile.

Non sono per principio contrario: di certo per chi ha preso il vizio del fumo e non riesce a smettere sono una maniera per ridurre al minimo il danno. ma mi sorge un dubbio: non c’è il rischio che diventino un vizio per se, cioè che tante persone, giovani in primo luogo, comincino a fumare in questo modo?

In effetti la sigaretta elettronica ha molti aspetti che la rendono accattivante: è facile, non puzza, non macchia, è più socialmente accettata rispetto al tabacco tradizionale perché dà meno fastidio ai non fumatori, si può usare anche al chiuso senza appestare l’ambiente, non sporca e non lascia cenere e cicche in giro. (A proposito: fumatori, le cicche non si buttano per terra!) Per di più non è eccessivamente costosa e, un po’ per volta, sta diventando una moda. Fino a poco tempo fa chi le succhiava sembrava avere l’aria del drogato che cerca di combattere l’assuefazione, ora non è più così. si ostentano come uno status symbol.

C’è anche il rischio collegato che chi prende il vizio della sigaretta elettronica finisca per fumare di più, dal momento che può farlo ovunque o quasi e col minimo sforzo. Aspira meno sostanze dannose, ma in maggiore quantità.

Insomma ho un sentimento misto. Non mi sconcerta che le compagnie del tabacco possano fare la guerra alla sigaretta elettronica e non sarei d’accordo con una legislazione troppo restrittiva in merito, tipo solo sotto ricetta medica e altre fresconate a cui il nostro Parlamento ci ha abituato: sarebbe un altro insulto all’intelligenza. La legge dovrebbe al più definire i requisiti tecnici minimi per il commercio e farlo in modo razionale, non punitivo e con parametri arbitrari. Come sempre la soluzione ideale sarebbe l’equilibrio e la razionalità dei singoli ma qui ci si scontra con una miriade di punti di vista.

Mi viene poi in mente un’altra cosa: quanto ci vorrà perché qualcuno abbia l’idea di commerciare, legalmente o meno, sostanze un po’ più “interessanti”, che possano essere fumate con i succitati congegni elettronici? Tipo la boccettina al gusto di erbetta?