Aracn-odi-et-amo

Mostri d’estate

Una volta odiavo i ragni. Mi facevano ribrezzo e, si lo ammetto, anche paura, con tutte quelle zampe attaccate a un corpo tozzo e peloso e quelle file d’occhi che guardano da tutte le parti. Quei movimenti a scatti, l’istinto del cacciatore senza sentimenti e le fauci pronte a mordere. Sono l’immagine perfetta del mostro che t’insegue e t’aggredisce senza pietà.

Odiavo anche le zanzare, che infestano i giorni e soprattutto le notti d’estate. Che non puoi schiacciare come e quando di pare perché rischi di macchiare per sempre le pareti. Che ti vietano il fresco del giardino e di dormire con le finestre aperte.

Poi ho imparato che i ragni mangiano le zanzare e allora ho cambiato atteggiamento verso di loro: adesso gli voglio bene, non li ammazzo più, al massimo li caccio fuori di casa.

Vedete quindi che la cultura è importante: quando ero ignorante odiavo ragni e zanzare, ora che ho studiato odio solo le zanzare!

Annunci

Sintesi delle canzoni d’estate

36612836_2199621110294033_4185328815431483392_o

Finalmente la radio (che, per inciso, ascolto prevalentemente in auto) ha smesso di proporre a ruota le canzoni dell’estate. È per questo venuto il momento di tirarne le somme.

Le canzoni, mi sembra, si possono raccogliere in alcune categorie-base.

Per cominciare quelle delle esperienze vacanziere, partendo da quelle “giovanilistiche” della prima entusiasmante vacanza all’estero alla Baby-K: “Sei così fico capisci che dico?”, che diventano avventura erotica estemporanea (Giusy Ferreri: “cercavo un mare calmo e ho trovato te… che in cambio mi chiedi una notte speciale”) e terminano nella vacanza “anziana” delle piccole cose banali ma piacevoli dei Thegiornalisti e “la birra che si scalda in fretta”.

C’è poi il filone socio-filosofico, che parte dall’ex problematico Luca Carboni: “I tempi son duri per non avere il sorriso sul viso”, passa per l’Ermal Meta: “E alla mia macchina gli voglio bene” e culmina sull’intramontabile Jovanotti, poeta-filosofo della rima, che dilaga con più titoli vecchi e nuovi. “Viva la libertà!” Come dargli torto.

C’è poi il filone sentimentale, immancabile nella canzone italiana. Esempi? Annalisa: “Ti faccio fare un viaggio dentro di me”, Carl Brave e soci con il tormentone “Come una fotografia…” ripetuto all’infinito, oppure Le Vibrazioni dell’“Amore Zen” che non ho ben capito cosa sia.

Ci sono infine i grandi immancabili, come Laura Pausini, e i “redivivi”, come Loredana Bertè, che mescolano un po’ gli ingredienti, anche con un po’ di originalità a dire il vero, come prova a fare, ad esempio, Elodie: “buttiamo in mare i cellulari, tu vedi nero io vedo Bali”.

Il tutto molto condito di Rap, che va di moda e fa contemporaneo urbano.

Anche i telefonini e i selfie sono onnipresenti, deprecati ma imprescindibili.

Sono solo degli esempi, ovviamente, e ho volutamente tralasciato la produzione straniera. La “tavola” delle canzoni estive è ampia e c’è posto per molti commensali, per fortuna. Il tono ironico, beninteso, è soltanto tale: non ho nulla contro nessuno dei citati e non citati, che fanno bene, per la maggior parte, il loro lavoro. Se la musica fosse solo quella seria e impegnata sarebbe una palla colossale.

Ma per me il vincitore 2018 si conferma lui: il meno cantante di tutti, quello che è il primo a non crederci e che almeno da tre anni fa successo nel modo migliore, prendendosi in giro. Quest’anno in tono minore ma pur sempre riconoscibile.

Lui. Il mito.

Rovazzi!

“Per gli amici pelosetti”

12087049_10206415209837760_7930167412753700656_o

Istantanea di un’estate

L’ho visto scritto a mano su un foglio, piazzato sopra una scodella di plastica piena per metà d’acqua, all’ingresso di un pub. Un modo economico per accaparrarsi simpatia cavalcando una delle tante catene animaliste di moda sul web. Volutamente non si distingue fra randagi e “proprietari”: cani e gatti sono tutti uguali!

Non sono contrario ma mi suona un po’ troppo sdolcinato e facile e per questo fastidioso. Sarei più d’accordo con una frase del tipo:

“Per quelle brutte bestie che vi portate dietro”.

Inteso in senso ironico ovviamente: non ho nulla contro cani e gatti e li ho sempre trattati bene, anche se non so ben relazionarmi con loro. L’unica controindicazione sarebbe che molte signore penserebbero ai loro compagni umani, prima che agli animali.

La ciotola si accompagna a altre novità animaliste del mese, come il passeggino per cani (!) e il cane minuscolo rigorosamente in braccio o nella borsa, con la testolina che fa capolino vezzosamente.

Lo accompagnerei anche con un po’ di cibo, tanto per rendere la cosa meno facile ed economica: se c’è il sentimento dev’esserci anche l’impegno, e che cavolo!

Non è che vorrei per forza contrapporre umani e animali, ma propongo un’idea complementare: una bella colonna di panini e bottigliette gratis con un cartello che dica:

“Per i nostri amici poveri”.

Così, senza nemmeno distinguere fra italiani e stranieri, bianchi e colorati, clandestini e regolari.

Solo che non si può. L’italiano medio si slancerebbe all’assalto anche se avesse appena finito di pranzare. Più ancora, al primo nero che stendesse la mano il sensibile di turno scatterebbe una foto con il telefonino per pubblicarla al volo con la nota “Ecco guardate gli immigrati che rubano il pane agli italiani!”, magari tutto in maiuscolo e con qualche opportuno errore sintattico.

E allora bisognerebbe distinguere:

“Per i nostri amici umani che hanno fame o sete, ma che siano italiani o almeno immigrati regolarmente, preferibilmente non Rom, di colore va bene purché non siano in maggioranza, non arrivino per primi e siano vistosamente deperiti, con spiccata preferenza per i minori, gli anziani italiani senza pensione o con la minima passano avanti a tutti. Non più di un panino e mezza bottiglietta a testa. I panini per gli italiani non contengono olio di palma, gli altri non si sa”.

Gli animali sono tutti uguali, gli esseri umani no!