I grandi dubbi… Parte seconda

c_tm5hcxoaedzby

Siracusa

La storia di un’autostrada comincia con: “c’era una svolta”?

 

La miss dei servizi segreti si chiama… Omissis?

 

I tossicodipendenti li mandavano in esilio sull’isola d’Erba? O a Canne? O magari alle Cannarie?

 

Le veterane sono anfibie anziane?

 

Un delinquente male accompagnato può essere definito un reo con fesso?

 

Perché si chiama doping se si deve prendere priming della gara?

 

Autoreferenziale è un’automobile con il curriculum?

 

Il circolo virtuoso è quello in cui non si servono alcolici?

 

Un’attrice porno in sciopero non mette bocca?

 

Per sbaglio i genitori di Rocco Siffredi lo iscrissero allo Zecchino Duro?

 

Una strega che manda maledizioni tramite lo smalto per unghie fa manifattura?

 

Se un fruttivendolo parla male di un altro è tutta una questione d’indivia?

 

Gli indiani al ristorante pagano il conto alla Nirvana?

 

Se alle mie sette piante ne aggiungo una faccio un otto botanico?

 

I Crociati viaggiavano con le barre porta-turco?

 

Se prendi un pezzo dal lotto… Ne restano sette?

 

Chi commercia insetti è un pest-seller?

Annunci

Fastidi ovvero idiosincrasie

12115819_10207716452008001_5238094287828445072_n

Gigna, cieco, il balcone fantasma

Dopo il ragionamento sulle penne blu, mi sono accorto che ci sono alcune cose non mi entrano proprio, non riesco a impararle e a capirle. Non si tratta di complessità ma di qualcosa di più basilare, non saprei bene cosa: una sorta di intolleranza o di sindrome auto-immune intellettuale. Ve ne elenco qualcuna, in puro ordine alfabetico e con pochi commenti.

Ballo/balletto

Tra le tante forme d’arte è l’unica che non riesco a capire. Ammiro l’abilità dei ballerini, la perizia tecnica, la complessità, l’armonia dei movimenti, ma proprio non mi trasmette sentimenti. Una serata al teatro per una commedia è per me un invito a nozze, per un balletto sarebbe una condanna dura! Un mio limite, ovviamente.

Briscola

Amo i giochi da tavolo vecchio stile: Monopoli, Risiko e compagnia. Mi piace anche sedermi a tavola per la Tombola, a Natale, con parenti e amici. Invece amo poco o nulla le carte da gioco e mi impegno in una partita solo quando è proprio difficile dire di no. Una scopetta ce la faccio, a portarla a termine, sempre che l’avversario non sia di quelli scafati, che si ricordano tutte le carte e capiscono cosa ti resta in mano da quello che hai gettato: quelli così con me vincono facile, non si divertono e mi giudicano pure male. Il Tressette è al di la della mia capacità di concentrazione, in questo campo. Ma la mia bestia nera è la briscola, per motivi che non riesco a comprendere. Mi hanno spiegato regole e punteggi più e più volte, partendo da quando ero ragazzino, ci gioco al momento e poi, puntualmente, le dimentico.

Calcio

subbuteo

Eh si, ho una strana idiosincrasia per il calcio. Mi interessa solo il risultato finale delle partite e più che altro per il significato sociale. Non devo litigare con mia moglie per vedere la partita in televisione: per me è un canale in meno tra cui scegliere. Sento le chiacchiere dei colleghi e ne sono trascinato, mi sorprende la passione e l’approfondimento, ma non mi prende, per nulla. L’aspetto positivo è che risparmio sulle pay-tv e ho un briciolo di tempo per altri hobby.

Peperoni

Sono onnivoro, per mia fortuna o sfortuna mangio di tutto. Amo concedermi la carne rossa, ogni tanto e non disdegno alcolici e cibi piccanti. Ma i peperoni, quelli proprio non li tollero. Non è solo che sono pesanti, è che per digerirli impiego giornate intere. Un singolo pezzetto in un pranzo completo e abbondante continua a tornarmi su, da solo, fino a sera. Per di più il sapore non mi piace per nulla.

Raccomandazioni

pescemangiapesce

Pesce grande mangia piccolo, ma finisce male: per me rappresentazione delle conseguenze dell’illegalità diffusa

Eh si, mai chieste e mai ottenute. Ne per lavoro, ne per esami, ne per pratiche (il)legali, ne per facilitazioni di iter. I professori all’Università non si accorgevano che avevo seguito tutte le lezioni, ma in ultima fila. Mi sono fatto un servizio militare “da grande” benché declassato. Sono stato più volte scavalcato in liste d’attesa e precedenze, al punto da vedermi a lungo negata la richiesta d’accompagnamento per mio padre malato. Anche nel piccolo: avevo una “mail sicura” per ottenere un’offerta telefonica favorevole, pagando un “disturbo” di pochi Euro e non l’ho mai inviata. Perché? Perché ogni piacere richiede un contraccambio. Perché non ne ho bisogno e non ho la mania di accumulare. Perché sono pigro e preferisco stare tranquillo. Perché, alla fine, mi crea fastidio fisico.

E le vostre?

11952871_10206182206572824_2925539894760801784_o

Queste sono le mie (alcune per la verità). Ne condividete qualcuna? Quali sono le vostre? E come ci convivete?

Attaccati alla “bolletta”

FortunaUna volta, mi ricordo, si insegnava a scuola che “Englishman bet on everything”, gli inglesi scommettono su tutto. Era una frase che si impiegava nei corsi base di lingua inglese, nelle scuole dell’obbligo, poco dopo “My name is Tom. What’s your name?” e “The pen is on the table”.

La frase si pronunciava in tono per lo più ironico: gli inglesi sprecavano il tempo e buona parte dei loro soldi scommettendo sullo sport o su cose ridicole, a differenza di noi italiani per i quali il massimo dell’ebbrezza erano il lotto e il totocalcio.

Personalmente, mi andava bene così, perché non provo nessuna passione per l’azzardo. Quando andai in America, passando un pomeriggio in quel grande parco giochi per adulti che porta il nome di Las Vegas, spesi un dollaro in una slot machine. Il giro delle figurine dei frutti è durato poco più di un secondo. Non mi diceva nulla tirare quella leva e non ho ripetuto l’esperienza.

Eppure qualcosa covava, sotto il logoro manto di morigeratezza di tradizione contadina. Al ritorno da quello stesso viaggio non so quante persone mi hanno chiesto come fosse, e che emozioni dava la città del gioco d’azzardo per eccellenza.

Analogamente, non si concepiva il ricordo di un viaggio a Sanremo senza la tappa al casinò. Per non parlare poi del lotto, che nelle mie contrade è sempre stato una scienza coltivata e tramandata.

Sono passati pochi anni e il panorama è cambiato radicalmente. E’ arrivata la crisi, la necessità di tamponare la crescita del debito pubblico, il bisogno di far entrare soldi senza far vedere di aumentare le tasse agli italiani. Fare leva sulla passione, e anche sul vizio, del gioco, è risultata una carta vincente. In poco tempo l’Italia si è trasformata dal paese del moralismo alla vera mecca del gioco d’azzardo diffuso, o ci manca poco. Mercato apertissimo, centri scommesse in fila nei quartieri più popolari, pochi controlli, massima libertà di pubblicità su tutti i mezzi d’informazione e a tutte le ore. La frase “giocate con moderazione”, pronunciata frettolosamente alla fine delle mirabolanti esortazioni a giocarsi la camicia, suona ridicola, e non poco.

Vado in tabaccheria per pagare la tassa di possesso dell’auto e la trovo occupata da un manipolo di pensionati che aspettano l’uscita di una fila di numeri da un televisore. Hanno in mano un mazzetto di biglietti e sono pronti a buttarli nel vicino cestino.

La domenica mattina esco dalla Messa (eh si, sono tra i pochi che ci vanno ancora) e dov’è il posto di ritrovo degli amici d’ogni età? Non certo il sagrato e neppure il bar come una volta, ma il centro scommesse del momento, eletto non so per quali motivo come il preferito fra i cinque o sei aperti nel quartiere.

Se si va al bar con i colleghi, durante la pausa pranzo, la sosta gratta-e-vinci o superenalotto, per tanti, è quasi un obbligo.

Amici insegnanti, mi raccontano che “la bolletta”, la giocata sulle partite di calcio o altro, è diventata argomento principe delle conversazioni dei ragazzi. La speranza? Di potersi comprare quel telefonino nuovo per il quale papà e mamma non vogliono proprio sganciare.

Tutti a sognare il colpo di fortuna, che faccia svoltare la giornata. E non la vita, badate bene, perché se il “gratta e vinci” potrebbe anche essere generoso, nella maggior parte dei casi la “bolletta” consente vincite al massimo di qualche centinaio di Euro. Una fonte di speranza spicciola, insomma, di ravvivare la giornata o il mese, in cui finiscono gli spiccioli in tasca seguiti, piano piano, dalle carte di maggior valore. Non sono certo il primo a dirlo che il gioco è l’unica tassa che gli italiani pagano con piacere. L’unica vera tassa “bellissima”, insomma.

Personalmente, non è un panorama che mi piaccia. Rischiando di essere moralista, dico che vedo il gioco non solo come un drenaggio di moneta, per di più focalizzato proprio sulle classi meno facoltose, ma come la nuova arma di distrazione di massa, l’ennesimo tentativo italiano di rimandare a domani e di tentare di risolvere i problemi con la botta di culo, non volendo sfidarli frontalmente.