False finestre fanno finte figure

db-pzwowaautwjb

***

Ora, per chi vuole, un componimento ispirato dalla mania per telefonini e internet, ma applicabile a molte cose che consumano il tempo senza riempirlo. Mi è venuto un po’ lungo e certamente è tutt’altro che perfetto: me ne scuso in anticipo.

***

Finestre ci sono, senza nulla dietro,

pure cornici di lastre di vetro,

più sottili di specchiere,

leggere quanto uno spettro

di un film muto

appena proiettato

e vuote memorie,

come un bicchiere già bevuto.

Ci sono finestre false

quanto le offerte regalo

che ti mettono in mano

fuori ai negozi,

nelle vie rumorose

delle metropoli delle solitudini contigue;

o quanto

le promesse morbose

che compaiono proditorie

nei link ruba-click dell’internet a dozzine.

Sono volubili finestre virtuali,

anche quando materiali,

più di quelle dei sistemi operativi,

senza testo da scorrere

o storie da rincorrere;

senza vite da ricollegare

o nuclei da interpretare;

senza motivi da canterellare

evocativi: senza cuore,

solo illudenti figure sfacciate da sfogliare

o sbirciare

come da una serratura seriale.

Finestre d’intrattenimento,

ladre esperte di tempo,

cattive consigliere,

pessime romanziere,

arrecatrici d’oblio come vini e birre,

ma meno gustose, acquose, inodore,

edulcorate assai e gassose e tiepide e stanche,

come monotone modelle virtuali anoressizzate,

vita stretta, niente fianchi e anche,

con tette siliconiche protesiche

e scarse idee… Buone per ostentatamente

ottuse menti e stanche.

Povere finestre con falsi fiori,

a colori sintetici a interi valori,

tutto per il fuori.

Forse eran vere agli albori:

l’antica malasorte

della vita le ha private,

oppure una mano ladra e malvolente.

Ora son ridotte

a cornici decorate,

laborioso contorno d’un quadro scadente,

lupi d’annata senza pelo, ne pane, ne dente,

ne passione, brama o gradiente,

cantori stonati ammalianti in tono finto-gaudente

senza motivo, trascinatori di causa perdente.

False finestre, il mondo ne è pieno,

offrono orizzonti di paglia, mari di fieno,

illusioni poco costose, invitanti all’inizio,

ma dannose, carceri in cui ti serri per sfizio,

senza aver la chiave per venirne fuori,

virtual-dipendente, non sai farne a meno,

ne vuoi sempre di più, senno sono dolori,

droga a bassa gradazione, te ne serve il pieno,

e riempiono tasche nel mondo là fuori.

Sega quelle sbarre, se sei capace,

dal colore banale vivace

e animazione sagace.

Rinuncia all’intrattenimento senza fine, assenzio

di falsa vita che ride e saltella,

provoca, ammicca, solletica e titilla,

sfibra, affatica, svuota e la voglia assilla,

ma non dà abbracci e baci, non ha scintilla.

Scruta, se ancora sei capace, fuori, il silenzio.

I grandi dubbi… Parte seconda

c_tm5hcxoaedzby

Siracusa

La storia di un’autostrada comincia con: “c’era una svolta”?

 

La miss dei servizi segreti si chiama… Omissis?

 

I tossicodipendenti li mandavano in esilio sull’isola d’Erba? O a Canne? O magari alle Cannarie?

 

Le veterane sono anfibie anziane?

 

Un delinquente male accompagnato può essere definito un reo con fesso?

 

Perché si chiama doping se si deve prendere priming della gara?

 

Autoreferenziale è un’automobile con il curriculum?

 

Il circolo virtuoso è quello in cui non si servono alcolici?

 

Un’attrice porno in sciopero non mette bocca?

 

Per sbaglio i genitori di Rocco Siffredi lo iscrissero allo Zecchino Duro?

 

Una strega che manda maledizioni tramite lo smalto per unghie fa manifattura?

 

Se un fruttivendolo parla male di un altro è tutta una questione d’indivia?

 

Gli indiani al ristorante pagano il conto alla Nirvana?

 

Se alle mie sette piante ne aggiungo una faccio un otto botanico?

 

I Crociati viaggiavano con le barre porta-turco?

 

Se prendi un pezzo dal lotto… Ne restano sette?

 

Chi commercia insetti è un pest-seller?

I grandi dubbi…

c3qilh_wyaezpjh

L’attrice protagonista di un film porno è una ragazza montata?

In un concorso di cuochi bisogna rispondere a domande di cottura generale?

Un cuoco che muore lo espongono nella camera al dente?

Un vegan può uscire fuori di seitan?

I calzolai moderni sono ancora in grado di fare lo zoccolo duro?

Una mattina di cielo limpido è una prima visione assolata?

Un pittore ecologico dipinge con i pennelli solari?

L’ultimo stadio è dove si gioca la finale di campionato?

In un centro tricologico, per mandare via un cliente esagitato gli dicono: “La prego, stia calvo”?

Se ti chiedono di andare a pescare mitili per te è un invito a cozze?

Chi prepara gli abiti per un film porno si chiama scostumista?

Pincopallo, Tizio e Caio si conoscono?

Se al posto dello stipendio ti danno una macchina è un l’auto compenso?

(Mi scuserete un post leggero e sconsiderato, spero, una volta tanto)

11952871_10206182206572824_2925539894760801784_o

Complottissimi

nuke1

Ve la racconto io la verità. L’ho saputa da uno addentro alle sacre stanze ed anche a quelle profane. Non l’ho mai visto, ma, in cambio di una busta di biglietti da 50 Euro, mi manda ogni mese un Bacio Perugina. Nel bigliettino dentro c’è scritta una frase criptica che bisogna interpretare incrociando la Bibbia con le profezie di Nostradamus lette al contrario.

Le Torri Gemelle non sono mai esistite. Volevano farle, ma il progetto era sbagliato come tutte le cose USA e gli Amerikan imberialisti non volevano ammettere di non riuscire a tenerle su. Dove si è mai visto un castello di carte fatto di vetro e bastoncini di ferro? Sono state sempre aggiunte su fotografie e cartoline con il Photoshop. Alla fine però si sono stancati di corrompere tutti i turisti che andavano a New York perché dichiarassero di averle viste ed hanno finto di distruggerle.

Il Governo Mondiale Segreto non esiste. Se lo sono inventati i governi normali in una riunione fatta tanti anni fa in un paesino della Svizzera. Gli serviva come scusa per nascondere la loro incapacità a fare qualsiasi cosa di concreto. Ma alla fine è stato un bene: per convincere la gente che il Governo Segreto Mondiale esisteva davvero hanno dovuto prendere delle decisioni ed attribuirgliele. Tipo dare il voto alle donne, ad esempio.

Gli UFO non esistono: se li sono inventati gli alieni, che sono arrivati sbagliando strada con il teletrasporto ma non vogliono farci sapere quanto è avanzata la loro tecnologia, anche perché non saprebbero rimetterla in funzione e farebbero una figuraccia. Hanno pensato che un’astronave a forma di Maggiolino o di biscottiera volante fosse più digeribile al nostro quoziente intellettivo e in grado di circondarli di un’aura di mistero che fa fascino. Da parte loro, non se ne possono più andare, perché dopo tanti anni con noi i loro simili li considerano mentalmente deviati e non li vogliono: le badanti costerebbero troppo.

Le Piramidi d’Egitto non erano la tomba dei Faraoni. Tutti sanno che per una tomba basta una lapide, che cavolo. Erano un avanzatissimo esperimento nucleare condotto da lungimiranti scienziati egizi, che, come tutti sanno, erano possessori di saperi ormai dimenticati perché tanto non fregavano niente a nessuno. Lo scopo era di comprimere il suolo fino a farlo collassare e ottenere così una reazione di fusione nucleare in grado di generare calore sufficiente per fare evaporare il Nilo, e quindi far piovere sul deserto e renderlo fertile. L’idea era buona e testimoniava della stetta integrazione con la Natura di quell’antico popolo, ma la massa, nonostante gli sforzi, risultò insufficiente. In fondo solo un piccolo problema di ordini di grandezza, tipo una decina. Ne venne fuori uno scandalo che fu risolto pacificamente tagliando la testa agli architetti ed a qualche migliaio di schiavi e di creditori del Faraone.

Ora vi lascio: devo per forza prendere la mia pillolina e gli infermieri mi aspettano impazienti.

Basic Tweets

blocchi

Tutti o quasi conoscono le regole di Twitter: massimo 140 caratteri per esprimere un pensiero, uno stato mentale, un concetto.

Mi è venuto in mente di provare a scrivere qualche tweet, possibilmente umoristico, usando la grammatica del vecchio Basic, quello stile “Commodor 64” per chi se lo ricorda. D’altra parte il linguaggio era sintetico e facile da apprendere: io ed altri ragazzini ne andavamo pazzi.

Per questo gioco è importante la perfetta correttezza sintattica, ma l’idea che si porta. Ecco quello che sono riuscito a tirare fuori.

Il più semplice tweet BASIC

10 REM THIS IS A USELESS TWEET

Il tweet BASIC ideale

10 PRINT “A NEW FOLLOWER”
20 GOTO 10

Il tweet BASIC della verità irraggiungibile

10 GOTO 30
20 PRINT “THE ANSWER IS 42”
30 GOTO 10

Il tweet BASIC di Douglas Adams

10 PRINT “THE ANSWER IS 42.”
20 INPUT “WHAT’S THE QUESTION”, Q$
30 END

PS: Per apprezzare gli ultimi due, conviene aver letto “La guida galattica per autostoppisti”.

Se non mi lasci non vale

Un matrimonio che non finisca in divorzio è palesemente fuori moda. Si guardano i due componenti della coppia come due disadattati incapaci di godersi la vita. Ma come, dopo la festa, il viaggio di nozze, le prime gioie e litigi, non hanno nessuna voglia di riprendersi la loro libertà? Di provare nuove esperienze erotico-sentimentali? Ma che gente di ristrette vedute.

Se sono anziani li si considera con compatimento: hanno perso tutte le occasioni utili per separarsi felicemente,hanno vissuto in un’epoca troppo chiusa ed ora che possono aspettarsi più dalla vita?

Eppure le stesse accuse di banalità che colpiscono i lungo-matrimonianti sono riferibili, uguali uguali, anche ai presto-o-tardi-separanti.

L’immagine mediatica, traslata al quotidiano, scivola inesorabilmente nel ridicolo. I divorzi sontuosi delle leggende del gossip scadono alla rissa piccina per la casa, gli alimenti ed i turni per vedere i figli. Non vedo in giro gnocche mature da far girar la testa che si riprendono la libertà da opprimenti manager in carriera, ma attempate signore cadenti che si stancano di mariti normalmente noiosi. Non vedo aitanti cinquantenni a caccia di ragazzine ma impiegati monotoni alle prese con la canizie avanzante e la panza prominente.

E poi gli aspetti banali del vivere quotidiano. Ritorni dai genitori per ridurre i costi. Vacanze da single per single di ritorno. Mi conviene più il lavoro o gli alimenti?

Qualcuno certamente mi potrà disquisire sulla psicologia di s-coppia e mi rampognerà sulle anticaglie cerebrali che magari inconsciamente (per darmi occasione di redenzione) mi porto dietro, mi spiegherà che tutto questo è progresso ed emancipazione, auto-affermazione e distacco dallo stantio, libertà dell’individuo e apertura e nuovi e divertenti stili di vita. Tutte cose luccicanti e ragionevoli, non dico di no, ma tante volte mi sembra più che altro carenza del senso del ridicolo.