Beatitudini

Beati i miti, che lavorano più di quanto guadagnano: conglomerato cementizio del mondo, che non passa alla storia, senza lamentarsi reggono sulle spalle i grandi e consentono ai geni di esprimersi.

Beati i puri di cuore, perché scorgono ovunque le tracce del bello e non riescono a capire quanto profondamente orrendo sia il brutto del mondo.

Beati i misericordiosi, perché, considerando i mali altrui e adoperandosi per essi, sono in grado di non sopravvalutare i propri.

Beato chi si accontenta, non perché gode (le banalizzazioni di cui sono capaci a volte i proverbi) ma perché non soffre vanamente nell’ansia di quello che non ha e non gli serve.

Beato il povero (non il misero) che è più libero del ricco (si, ci credo davvero) e di chi si spende l’anima inseguendo la ricchezza.

Beato chi ha fame e sete di giustizia, perché avrà uno scopo per impegnarsi e faticare fino all’ultimo dei suoi giorni e un motivo per sopportare ogni disagio.

Beato me quando ritrovo chi mi vuol bene sopportando i miei difetti e apprezza il mio aiuto, per quanti sbagli faccia.

(Spero di non essere stato troppo blasfemo, nel caso chiedo scusa. Non voglio certo sminuire o riscrivere i Vangeli, solo, in piccolissimo, se ci riesco, farvi fermare un minuto a leggere).

Annunci