Neo-musica per vecchie frontiere cittadine

du9rbgnxkaevpa_

Commercio, turismo e passeggio a Napoli

Mi sono trasferito dalla città al paese quando mi sono sposato.

Per molti è stata una follia: il centro è la civiltà, la periferia un caos indefinibile. Da un lato i servizi, dall’altro il degrado urbano. Dalla cultura al basso popolare.

A Napoli questo taglio è forse ancora più sentito che altrove: anche se paradossalmente chi abita in periferia spesso si definisce napoletano, per i “centrali” non è così. Napoli-megalopoli vive dell’eterna lotta e simbiosi fra il centro e la periferia.

Potrei approfondire il concetto e forse un giorno lo farò, ma ora preferisco soffermarmi su un altro taglio netto, tutto interno alla città: Napoli è composta da una città “alta” e una “bassa” che si intersecano fra loro come un nodo ma con confini nettissimi. Attraversando due strade si passa dal nobile al plebeo. I mondi si toccano e si vedono ma non si mescolano mai, non solo ma non si capiscono. Non ci provano nemmeno. La Napoli “bene” ha luoghi, passatempi, musica, linguaggio diversi da quella “bassa” e mutuamente incomprensibili.

Succede anche altrove, probabilmente, ma ho la sensazione che il taglio, a Napoli, sia più netto e allo stesso tempo più inestricabile. Erri De Luca dice che Napoli è una città leggendaria e forse, anche su quest’aspetto, tutto è estremizzato. Partendo da Palazzo Reale e dalle dimore nobiliari di Toledo si passa ai “bassi” umidi e oscuri dei Quartieri e del Pallonetto veramente con dieci passi.

I contatti, obbligati e frequenti, fra le due città, per strada, in metropolitana o negli uffici pubblici, sono fastidiosi per entrambe le parti. Fanno finta di tollerarsi, o meglio si ignorano reciprocamente e, alle spalle, si disprezzano per gli stessi motivi: per come parlano, per come si vestono, per come si muovono.

Canzonature rigorosamente fatte di nascosto a meno che non si voglia provocare lo scontro.

Per il napoletano del “centro bene” la periferia, come dicevo all’inizio, è un’enorme distesa informe e quasi inabitabile, popolata da alcune persone civili e folle di esseri indescrivibili. Ma i quartieri “bassi” sono considerati ancora peggio: sono impenetrabili, oscuri, ignoranti, con la propria legge primitiva.

Di contro la Napoli “alta” è considerata viziata e privilegiata dalla controparte, e pure molle, sprecona, schizzinosa, cattiva e con la puzza sotto al naso. Neanche cultura le riconoscono, spesso a ragione.

Un chiaro esempio del “taglio” che esiste è la musica. Riporto, in forma anonima, una testimonianza sui “neomelodici”, che esprimono il sentimento di queste strade molto più dei “rapper” finto-arrabbiati, e che la Napoli alta disprezza, non vuole e non può capire.

 

“Ci ho lavorato per circa 6 anni, era una vita surreale, almeno per me, mi sentivo un marziano, arrivavano soldi di continuo, ormai toccavo lo strumento solo per lavoro, e stavo in mezzo a questa gente che aveva il suo linguaggio e il suo abbigliamento, la usa musica, mi sentivo un marziano, però mi sono molto divertito.

Una volta chiesi al mio cantante dell’epoca come si ispirava e lui mi disse che lui utilizzava tre argomenti base: la malavita, l’amore e le corna, e quindi le vrenzole mentre facevano i servizi [di casa] dovevano imparare le sue canzoni e poi chiamarlo alle cerimonie.

Oltre ai guadagni avevamo come “benefit” un telefonino e un’Audi. Non ho mai avuto il coraggio di chiedere di chi fossero”.

Annunci

L’educazione al rumore

IMG_4260_dettaglio-audio

Stiamo facendo crescere una generazione ancora più rumorosa della nostra? Lo sospetto fortemente, e il dubbio mi è cresciuto a dismisura qualche sera fa, quando sono stato con amici in un locale con cena e spettacolo.

Prima piano-bar, mentre si mangia. Poi una mezz’oretta con una coppia comica diventata famosa in TV. Quindi un’oretta abbondante di “ballabili”. Il locale è un ex teatro, quindi adattissimo, per conformazione allo scopo. Ma gli esiti sono, per certi versi, tragici.

L’impianto audio era tarato per coprire qualsiasi altro suono, e questo fin dalla fase iniziale, quando si è a tavola e si suppone che si possa conversare mangiando. Occasione importante per un single come il sottoscritto no? Praticamente il livello sonoro è rimasto costante per tutta la serata, e pure male gestito al punto di rovinare l’esibizione di cabaret, perché gli eccessivi rimbombi rendevano le battute difficili da intendere. E, si sa, il cabaret e la comicità in generale si fondano sul rispetto rigoroso dei ritmi, spesso veloci.

Era un ristorante anche per famiglie, con tanto di animazione per i bambini come si usa oggi, in modo da lasciare ai genitori un paio d’ore di tranquillità (non uditiva, beninteso). Una delle animatrici aveva un microfono con un altoparlante a batteria attaccato alla cintura, per riuscire a farsi sentire dagli animati pargoli.

Abbiamo bandito il silenzio dalle nostre vite, ormai stabilmente. Per i nostri antenati la notte era il luogo del silenzio assoluto, e per questo, a maggior ragione, del mistero. Ma anche il giorno era spesso caratterizzato da silenzio, o da suoni lievi. Se la giornata era serena, subito fuori dal villaggio potevano esserci pochi decibel di fruscii nell’aria e poco più. Noi abbiamo invece imparato che il progresso significa rumore, un sottofondo sonoro perenne e imprescindibile che permea ogni momento, senza interruzione. La città è rumore, la comunicazione è urlo. E ci siamo assuefatti.

Per l’uomo moderno e “evoluto” il silenzio è anormale, anomalo, crea sgomento, me ne rendo conto, non riesce a sopportarlo, deve distruggerlo. Appena entra in casa, dopo una giornata di lavoro in un’open-space affollato di telefoni in viva voce o davanti a uno sportello o bancone per utenza rumorosa, per prima cosa accende la radio o, meglio ancora, la TV. Se corre al parco deve mettere gli auricolari. Ce ne sono anche per il nuoto. Le palestre risuonano di musica, eppure tanti preferiscono la propria nelle orecchie. Suono continuo che attenuta i pensieri e cancella quello che si trova a pochi passi, che tiene concentrati sullo scopo del momento e impedisce alla mente di vagare altrove, incontrollata. Con l’aggiunta degli schermi dei telefonini è diventata una realtà virtuale perenne, che assorbe l’attenzione e attenua la percezione della realtà reale.

La tecnica assomiglia in modo sorprendente a quella dell’imbonitore o dell’imbroglione di strada, che deve parlare di continuo per impedire alla vittima di turno di raccogliere i pensieri.

Su questo tappeto di stimolazioni uditive (e non solo) continue, in questa overdose uditiva permanente, un segnale emerge solo se è più forte. Per farsi sentire bisogna urlare, alzare il volume. Oltretutto è diventato facile: gli altoparlanti da molti Watt non costano poi molto. E’ la tecnologia, bellezza, e, per quanto si dica, l’energia è ancora a buon mercato. Si fa sentire chi urla di più, per cui alla fine urlano tutti. Chi si lamentava delle strade rumorose di Napoli o del trambusto dei mercati africani si ritrova con una civiltà che fa dell’altissimo volume acustico la sua bandiera.

Così anche il divertimento deve essere rumoroso, oppressivo, non lasciare spazio a altro, preconfezionato. D’altra parte anche i brani a richiesta sono un po’ sempre gli stessi. I bambini è bene che si abituino, sin da piccoli, e che perdano l’udito presto, altrimenti si ritroveranno disadattati. Per il silenzio restano, al più, i monasteri.

Evviva la musica liquida, ma anche quella solida

Foto-audio-02

A cosa servono, ormai, compact-disc e dischi di vinile? Tecnologie sorpassate, antiquariato. Buone a nulla, si direbbe, nell’epoca in cui la musica si scarica da Internet, i ragazzi l’ascoltano in cuffia dal lettore o dal cellulare e perfino gli audiofili discorrono di formati ad alta risoluzione. Gli esperti del marketing, o forse il passaparola, hanno già coniato il nome: la Musica Liquida. Il mio ultimo acquisto, in questo campo, è proprio un convertitore da collegare al mio netbook, per farlo funzionare come una sorgente audio ad alta fedeltà.

A cosa servono, mi chiedevo, ed almeno una risposta l’ho trovata. Ad imbatterti, tra negozi, bancarelle e mercatini, in musica che non avresti mai cercato su Internet. All’acquisto casuale, fatto per pura curiosità davanti a un titolo, un nome o un’immagine di copertina, magari per pochi euro.

Internet non è adatta allo scopo, mi dispiace. Nonostante gli sforzi, gli algoritmi per catalogare i gusti, i lustrini e le assonanze forzate tra prodotti. Da un lato è troppo aperta: tutto si può vedere e ascoltare prima di comprare, non c’è più il fascino del rischio, dell’ignoto, della sorpresa da valutare poco alla volta. Un brano musicale si giudica senza comprarlo, al primo ascolto, in pochi secondi, non te lo ritrovi a casa a gustare con calma – tanto i soldi li hai già spesi – a mandarlo a quel paese e poi magari risentirlo, con un altro stato d’animo, mesi o settimana dopo, e accorgersi di sentirlo diverso, e scoprirne aspetti che avevi sorvolato.

Dall’altro lato è troppo chiusa, internet, decisamente asettica. Informatica a prescindere dagli sforzi dei suoi guru. Non può darti il senso fisico dell’oggetto. Vedi un’immagine fatta di tanti quadratini colorati che è l’ombra della cosa vera. Non ne senti l’odore ne l’impressione tattile, la consistenza fisica, neppure le vere proporzioni riesci a intuire. Tutto è relativo, liscio al tatto, con gli stessi colori di ogni altra cosa, ingrandibile o rimpicciolibile a piacimento con un “pinch” o una rollata di mouse.

E lo dico a malincuore, da vero appassionato del computer quale sono. Ci passo le giornate di lavoro e, alla sera, accendo il mio invece di guardare la televisione. Ma la verità richiede onestà.

Insomma con il commercio elettronico guadagniamo l’accesso facile e veloce a un’infinita di merci, come in una specie di sterminato bazar dove ogni genere di paccottiglia siede fianco a fianco agli oggetti di lusso. Dall’altro perdiamo il gusto della ricerca casuale, di quella che impolvera le mani e ti pone davanti agli occhi ciò che non ti aspetti.

Pensieri sparsi di un simil-audiofilo, o meglio uno a cui piace ascoltare musica in modo decente

CD alla canna del gas.

Si è sparsa nei dintorni la moda di appendere vecchi CD o DVD, come trucco per tenere lontani i colombi ed evitare che imbrattino ringhiere e balconi.

Un po’ di tempo fa – qualcuno se lo ricorderà – si era diffusa la voce che fossero utili per ingannare gli autovelox e che bastasse appenderne uno o due al lunotto posteriore dell’automobile per correre a volontà senza la paura di ricevere multe salate. Questa leggenda metropolitana è durata poco e chissà che non accada lo stesso per la nuova. Qui un aspetto logico sembra esserci: il dischetto di plastica ed alluminio riflette la luce e, muovendosi per il vento, dovrebbe intimorire gli animali o almeno fargli sembrare il posto non troppo sicuro per appollaiarsi e rilassarsi. Per la verità ci ho provato anch’io e starò a vedere i risultati.

Forse prima o poi verrà fuori una razza di colombi furbi che non si fanno ingannare da certi scherzi da due soldi che in pratica sono l’incarnazione post-moderna dei vecchi spaventapasseri. Ma non è questo l’aspetto che voglio evidenziare. Secondo me i CD ed i DVD appesi in giro con pezzetti di spago sono il segno della fine di una tecnologia e, in una certa misura, della fine di un’epoca, quella dei “supporti solidi per il multimediale”.

Colombo impudente

I CD sono stati per alcuni anni l’immagine stessa della tecnologia, nessuno si sarebbe sognato di appenderli in giro: erano troppo costosi, ma soprattutto troppo cool, per un trattamento così degradante.

Prima di loro la stessa sorte era toccata alle videocassette. Prima ancora alle musicassette, supporti analogici che erano riciclati quasi all’infinito, con successive riscritture e riscritture, e gettati via solo quando erano ormai distrutti ed inservibili. Poi sono venuti i DVD. Poi ancora, in teoria, i Blue-Ray, ma quanto si sono davvero diffusi?

Perché nel frattempo è cambiato tutto: è stata inventata Internet e soprattutto le connessioni a banda larga. Ormai non serve comprare CD o DVD, in rete si trova tutto o quasi.

SACD e DVD-A. Chi conosce questi loghi?

I segni della crisi dei “supporti solidi” sono dappertutto: i pochi negozi di dischi sono sopravvissuti trasformandosi in locali alla moda o in tane per collezionisti. Nella grande distribuzione e nelle librerie lo spazio, soprattutto quello per la musica, è sempre minore e in buona parte occupato da offerte speciali, utili per svuotare il magazzino. Sarebbe una buona occasione per gli appassionati, ma anche il nostro spirito sta cambiando: il modo in cui le cose ci vengono mostrate cambia i nostri sentimenti verso di loro e, diciamocelo, i CD sanno di passato e di stantio, di old-economy.

Selettore d’ingressi vecchio stile

Tutto ha i suoi pro e contro: non ci sono più i negozi di dischi, con i commessi appassionati (a volte) a cui chiedere consigli e gli incontri casuali tra gli scaffali con il disco della vita. Su Internet può accadere qualcosa del genere? Forse, ma non ne sono certo.

Peggio ancora, ci stiamo abituando a sentire la musica in bassa qualità, registrata male e mal convertita in MP3 a basso bit-rate. Non mi dite che suonano uguale al CD, forse solo su lettorini da due soldi.

Questo sono gli aspetti che mi preoccupano di più: il ridursi dei rapporti umani e la standardizzazione su qualità basse, proprio quando gli strumenti tecnici consentirebbero l’esatto contrario. Non si tratta di tornare al passato. Chi ne ha voglia? Io no di certo. Ma di spingere la tecnologia ed il mercato verso qualcosa di meglio. Scaricate la musica in formato FLAC, senza perdite di qualità, ad esempio. Parlatene con gli amici e discutetene, anche in forum e blog. Alimentate i siti che hanno una mentalità aperta sulla tecnica e la qualità senza pensare soltanto al soldo. E, soprattutto, pensate con la vostra testa!