Le domande dei bambini

I bambini, si sa, continuano a fare domande. Lo fanno perché sono curiosi, vogliono sapere e soprattutto sono convinti che noi “grandi” possediamo le risposte.

Noi, salvo il caso di squilibri psichici gravi, sappiamo benissimo di non avere la risposta quasi a nulla ma, da imbroglioni e bugiardi che non siamo altro, facciamo di tutto perché lo credano. Li raggiriamo con mezze risposte, finte spiegazioni e sfacciate invenzioni, e alla fine, quando non sappiamo più dove andare a parare, li sgridiamo accusandoli di fare “domande sbagliate”.

È una questione di prestigio, di direzione e insomma di potere.

A un certo punto i bambini crescono, fanno un minimo d’esperienza e inevitabilmente capiscono che li stiamo imbrogliando. Allora si arrabbiano, reagiscono e perdono la fiducia nei confronti dei “grandi”.

A noi non sta bene: intacca il nostro potere e amor proprio. Lo bolliamo come “ribellismo adolescenziale”, perché dare un nome normale alle cose serve a depotenziarle, a farcele sembrare acquisite e confinate. Lo sopportiamo a malincuore in attesa che i ragazzi, per la maggior parte almeno, crescano e diventino bugiardi e imbroglioni come noi.

Che cosa difficile è riuscire a dire: “non lo so”, esercizio d’umiltà che richiede anni di pratica: lo posso testimoniare.

Annunci

I film quelli belli

(Che artista eh)

Prossimamente nelle migliori sale. Anche i libri non sono male.

L’Eleganza del Ricco”. Delicata storia di uno sfigato che diventa affascinante dopo aver ereditato una fortuna.

I Propensi Sposi”. La storia amara ed attualissima di due precari ultra-quarantenni, fidanzati fin da ragazzini, che aspettano il posto fisso per sposarsi.

I Promessi Sponsor”. La drammatica avventura di una squadra sportiva che parte baldanzosa ma s’indebita per comprare le divise.

Saziami ma di Baci Straziami”. Una storia forte di gastronomia ed erotismo.

La Lunghissima Estate Calda”. Amore e intrighi nell’epoca dei cambiamenti climatici.

Blame Runner”. In un futuro distopico la colpa di qualsiasi cosa è sempre di chi c’è stato prima!

Il Cavaliere all’Oscuro”. Storia di un anziano politico, ormai fuori dai giochi, che si aggrappa disperatamente al proprio passato di successo e alla chirurgia plastica.

Stalk to Me”. Cupa storia di confessioni e persecuzioni.

La Ricerca della Ferocità”. Storia immaginaria e surreale di un politicante che fa carriera cavalcando i bassi istinti dei suoi elettori. Ma la realtà gli si rivolterà contro.

La Ricerca della Felinità”. L’amore per i gatti come medicina di vita.

Bohemian Crapsody”. Storia in chiave trash di musicisti gaudenti banali.

Siamo così

Noi italiani siamo così, dolcemente complicati, facilmente emozionati, egoisticamente riservati. Ci piace mangiare il prosciutto ma non saper scannato il maiale. Vantarci di essere eredi di tradizioni culturali millenarie ma non saper dire in che secolo è vissuto Dante Alighieri o Leonardo da Vinci.

Parliamo liberamente di politica, di popoli e di economia, critichiamo gli esperti ma non ci ricordiamo quando è finita la Seconda Guerra Mondiale o perché la Corea è divisa in due. Siamo certi che sia sbagliato mettere il formaggio sugli spaghetti a vongole ma dubbiosi se si giusto o meno lasciare in mare per settimane dei migranti.

Proponiamo a caldo pene colossali per qualsiasi reato: evirare i pedofili, giustiziare gli stupratori, dare l’ergastolo ai corrotti; ma il fuoco si spegne in fretta, ci facciamo prendere dal sentimentalismo e perdoniamo l’assassino dopo pochi anni se non mesi.

Revisionisti nel sangue, acclamiamo la sentenza di condanna e il giorno dopo ci viene il dubbio che sia sbagliata.

Abbiamo sempre ragione negli incidenti stradali.

Odiamo la mafia ma il camorrista di mezza tacca sotto casa tiene tranquilla la strada, che da quando c’è non succede niente.

Critichiamo aspramente chi non ha difeso la donna molestata in metropolitana, nel brutto caso di cui ci ha parlato il TG, ma chiudiamo la finestra quando sentiamo un rumore in strada.

Siamo così… uomini e donne, superficialmente complicati. Salvo eccezioni, ovviamente. A ciascuno l’ardua e, mi auguro, non banale “sentenza” su se stesso.

Beatitudini

Beati i miti, che lavorano più di quanto guadagnano: conglomerato cementizio del mondo, che non passa alla storia, senza lamentarsi reggono sulle spalle i grandi e consentono ai geni di esprimersi.

Beati i puri di cuore, perché scorgono ovunque le tracce del bello e non riescono a capire quanto profondamente orrendo sia il brutto del mondo.

Beati i misericordiosi, perché, considerando i mali altrui e adoperandosi per essi, sono in grado di non sopravvalutare i propri.

Beato chi si accontenta, non perché gode (le banalizzazioni di cui sono capaci a volte i proverbi) ma perché non soffre vanamente nell’ansia di quello che non ha e non gli serve.

Beato il povero (non il misero) che è più libero del ricco (si, ci credo davvero) e di chi si spende l’anima inseguendo la ricchezza.

Beato chi ha fame e sete di giustizia, perché avrà uno scopo per impegnarsi e faticare fino all’ultimo dei suoi giorni e un motivo per sopportare ogni disagio.

Beato me quando ritrovo chi mi vuol bene sopportando i miei difetti e apprezza il mio aiuto, per quanti sbagli faccia.

(Spero di non essere stato troppo blasfemo, nel caso chiedo scusa. Non voglio certo sminuire o riscrivere i Vangeli, solo, in piccolissimo, se ci riesco, farvi fermare un minuto a leggere).

Avventura e prudenza

La storia è fatta di periodi “avventurosi”e “prudenti” che si alternano.

O almeno così mi sembra.

Diamo un’occhiata al passato. Le guerre mondiali, che hanno caratterizzato la prima metà del secolo scorso, sono ovviamente periodi avventurosi (in senso deleterio, ovviamente). Nel mezzo, oltre all’euforia dei ruggenti anni ’20, che di fatto proseguiva lo spirito entusiasta della precedente con un nuovo spirito edonistico, creativo e godereccio, è stato sostanzialmente “prudente”. Basti pensare all’estrema difficoltà delle democrazie occidentali a riconoscere il nemico nazista, evidenziato dai numerosi tentativi, da Lord Chamberlain in giù, di scendere a patti con il mostro Adolf Hitler. C’era pure chi lo considerava un riferimento, in Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti  e altrove, a dire il vero. C’era stato anche il crollo di Wall Street del ’29 a riportare tutti a più miti consigli.

Il primo dopoguerra, dopo il Secondo Conflitto Mondiale, è stato ancora un periodo “avventuroso”. Si affrontava la ricostruzione con entusiasmo, fiducia nel futuro, nei progressi della scienza e nelle proprie forze. Si sono fatti sacrifici e anche errori, ma sempre con obiettivi ambiziosi. Questo spirito è proseguito per buona parte della Guerra Fredda (sempre guerra a far binomio con avventura…) e anzi è stato da questa alimentato: la paura del nemico ad Est e l’orrore nucleare che doveva essere esorcizzato hanno fatto da stimoli potenti, convincendo autorità e gente comune ad assumere rischi e trovare risorse economiche quasi illimitate. In Italia l’epoca della ricostruzione e del boom economico sono state caratterizzate dal desiderio di rischiare in vista di un futuro migliore, sia personale sia collettivo. Si sono realizzate opere pubbliche oggi quasi impensabili e che non abbiamo saputo sempre ben gestire (vedi il Ponte Morandi a Genova, ma è solo un esempio). In campo internazionale l’evidenza è ancora più lampante. La corsa allo spazio culminata con le missioni lunari Apollo ne è forse l’esempio più evidente: talmente azzardata e “avanti” che oggi sembra fantascienza, al limite dell’immaginabile, al punto che qualcuno finisce per metterne in dubbio la stessa realtà (se non siamo capaci di farlo oggi, con gli strumenti di cui disponiamo, come è stato possibile tanti anni fa?) In altri settori dell’aeronautica si osserva lo stesso approccio: realizzazioni estreme come l’aereo razzo prototipale X-15 (quello all’inizio del recente film su Neil Armostrong) oppure l’aereo-spia SR-71 “Balckbird”, da oltre tre volte la velocità del suono, o anche il Concorde per attraversare l’Atlantico in quattro ore, sono esempi di realizzazioni oggi non solo non gestibili, ma addirittura improponibili: non supererebbero nessuna valutazione di fattibilità, di rapporto costo-benefici, di analisi del rischio. Tornando in Italia, anche gli “anni di piombo” del terrorismo sono stati di assunzione di rischi e impegni giganteschi. Forse proprio in reazione ad essi lo stimolo ad affrontare e programmare si è affievolito.

Dagli anni ’80 circa, finita una breve parentesi di introflessione edonistica, fino a oggi (o a ieri), abbiamo vissuto infatti un “periodo prudente”, anche se “utilitaristico” forse è il modo migliore per definirlo. Ogni impresa era valutata dalla possibilità di portare ritorno economico nel minor tempo possibile. Una prospettiva di guadagno in tre anni era il massimo che un investitore sensato riuscisse a concepire, mentre il finanziatore-medio, soprattutto se di poche risorse, aveva prospettive ancora più breve. Niente rischi, ritorno rapido. Anche gli interventi pubblici sono stati lenti e riflessivi, spalmati negli anni e pieni di ripensamenti, anche se questo non ha evitato la corruttela.

In campo scientifico e, ancora di più, tecnologico, ne abbiamo vissuto gli effetti. Pochi nuovi successi clamorosi, tranne forse in campo genetico. La scienza è andata avanti e di molto ma senza le rivoluzioni di cent’anni fa, ovvero la teoria della relatività e la meccanica quantistica, che rappresentano ancora oggi la nostra prospettiva in fisica. Rallentamento della corsa allo spazio fino quasi a fermarsi. Gli astronauti trasformati da eroi del mito moderno a sorta di iper-tecnici dello spazio, o addirittura di operai ultra-specializzati. Non che i rischi non ci fossero, ma incomparabilmente controllati rispetto all’epoca precedente e spesso legati al prevalere di considerazioni economiche, come il disastro dello Space Shuttle, in buona parte legato al tentativo di ridurre i costi di ricambi, sicurezza e gestione in generale, proprio nell’ottica di far rientrare l’utilizzo della Navetta Spaziale nei canoni di un’impresa sostenibile e magari redditizia. Niente più Concorde o altri veicoli supersonici: ottimizzazione, aumento del confort e dell’efficienza come obiettivi fondamentali delle imprese aeronautiche.

La sensibilità in generale sul concetto di sicurezza è cambiata e questo è un bene. Basta cercare i video di qualche gara automobilistica degli anni ’50 o ’60 per rendersene conto, oppure farsi raccontare, da chi oggi è in pensione, come si svolgesse il lavoro in fabbrica, in campagna o anche in ufficio fino a non tantissimi anni fa. Ma, al di la della tutela della vita umana, l’idea stessa che si possano affrontare dei rischi, anche economici, o faticare in modo particolarmente gravoso, in vista di un risultato desiderabile, è cambiata. La speranza stessa che impegnandosi si possa ottenere qualcosa si è affievolita. Si è sfumata la speranza e con essa la volontà.

La stessa crisi economica dei sub prime dimostra che è prevalso l’impegno a fare soldi con i soli soldi, soprattutto con quelli degli altri, evitando il rischio di attività pratiche. E la crisi economica ci ha introdotto in un periodo ancora più prudenziale (parlo in primo luogo dell’Italia): intraprendere è troppo rischioso, giocare in borsa pericoloso, investimenti pubblici manco a parlarne: meglio concentrarsi a conservare lo stato attuale. Comodità minime correlate a rischio minimo, associato alla paura di qualsiasi cambiamento, senza pensare alla Cina che incombe e dando la colpa del degrado agli immigrati o agli imprenditori cattivi. Insomma, il posto pubblico o il reddito di cittadinanza come obiettivo di vita.

Oggi ci sono alcuni segnali di un ritorno alla “avventura”, o almeno così mi sembra. Il quadro politico è volto tutto al conservatorismo, ma è in buona parte una reazione al timore del nuovo che avanza – immigrati, potenze emergenti, perdita di vecchi equilibri e certezze – che alla lunga sarà impossibile negare. Nel campo che amo, ovvero quello tecnologico, l’impegno di miliardari in imprese rischiose – primo fra tutti Elon Musk, con Tesla, SpaceX eccetera – segna un cambio di passo rispetto all’approccio prudenziale dei decenni precedenti. Durerà? Si espanderà? Che direzione prenderà? Lo sapremo solo vivendo.

Anticorpi tecnologici

dhh2h5mxyaa1aw_

La dipendenza da telefonino è un fatto palese.

È, formalmente, una delle maggiori preoccupazioni dei genitori, che vedono i figli sempre immersi nel balluginare degli schermi, se non fosse che essi stessi, per primi, sono spesso tecno-dipendenti da social e selfie e concedono l’agognato telefonino alla prole come maniera per non essere troppo disturbati.

È argomento di lotta costante per i docenti di ogni ordine e grado, almeno quelli che non considerano l’incasso dello stipendio, a fine mese, come scopo esclusivo della professione.

In strada, che tu sia a piedi, ciclomunito o motorizzato, devi costantemente stare attento a pedoni e automobilisti distratti da improrogabili messaggi.

Insomma, siamo di fronte a una vera e propria sindrome di massa, che miete le sue vittime. Allarme sociale e non esagero.

C’è una soluzione? L’educazione, certo, l’abitudine a un uso corretto e moderato, un po’ come per le bevande alcoliche. Forse ce n’è anche un’altra però: la normalizzazione, ovvero arrivare a considerare l’elettronica portatile come qualcosa di abituale, un accessorio come un’altro. Interrompere il circolo vizioso che dà al mondo della rete un valore superiore a quello che ha, a causa del fatto che è nuovo e diverso dall’ordinario e continuamente cangiante.

In questo senso, da inguaribile ottimista quale sono, voglio porre qualche speranza nella nuovissima generazione:, non i cosiddetti millennial ma proprio i bambini di oggi, quelli che stanno imparando a camminare o vanno alla scuola elementare. Sono loro i veri nativi digitali. Per loro il telefonino e la connessione ubiqua alla “rete” non sono qualcosa di nuovo o appreso, ci sono nati, come la TV per i loro genitori o la radio per i loro nonni.

Noi anziani siamo come i nativi americani, sterminati a casa loro dalle malattie importate dagli esploratori/invasori europei, qualche secolo fa, perché il loro sistema immunitario non era preparato. I piccoli di oggi stanno sviluppando il loro “sistema immunitario intellettuale”, tramite la piena esposizione al digitale, e stanno sviluppando gli anticorpi, o almeno lo spero.

I piccoli di oggi non nutrono stupore di fronte agli schermi tattili o alle connessioni senza fili. Perché dovrebbero, se fanno parte delle cose che sperimentano da prima ancora di imparare a parlare?

Forse domani sapranno gestire la rete mettere molto meglio dei loro genitori e in dubbio quello che dice loro, con la stessa naturalezza con cui sanno distinguere i loro giocattoli dagli oggetti reali che questi imitano.

Risulta più difficile sviluppare un rapporto malato con qualcosa di consueto che con qualcosa di del tutto nuovo. La dipendenza da tecnologie diverrà, col tempo, un fatto marginale, sempre grave ma, per certi versi, fisiologico, come oggi l’alcolismo o la ludopatia, da combattere con assiduità, certo, ma non pandemico.

O almeno così voglio sperare.

Intelligenze artificiali, i nuovi vicini

Software-schermate

La fantascienza parla da anni di intelligenza artificiale. Lo fa in molte salse, da quelle popolaresche dell’uomo “inghiottito” dal computer in stile Tron a quelle, più raffinate, di sistemi che si auto-evolvono verso forme imprevedibili, come i robot “positronici” di Asimov.

Ma, soprattutto in Italia, siamo carenti in cultura tecnologica, figurarsi in prefigurazioni del futuro. La fantascienza è, per opinione comune, un passatempo da bambinoni. Di conseguenza le novità tecnologiche ci sembrano chiacchiere da bar finché non ce le troviamo improvvisamente tra i piedi, senza sapere bene che farne.

L’intelligenza artificiale è un tema particolarmente insidioso, anche per il sottoscritto. Già è difficile mettersi d’accordo su cosa intendere per “intelligenza naturale”. In più l’uso dei termini è spesso fuorviante: paragonare un sistema informatico a uno biologico è suggestivo ma assolutamente arbitrario, perché non c’è nessuna vera analogia.

La definizione del computer come “cervello elettronico” è passata di moda, per fortuna. L’intelligenza artificiale non è necessariamente un tentativo approssimato di riprodurre quella umana all’interno di una macchina. Il pioniere della scienza informatica Edsger Dijkstra disse una volta: “Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare”, ed è una delle sue citazioni più famose.

Con ciò, se ben interpreto, il luminare non voleva intendere che l’intelligenza artificiale non poteva esistere, ma che essa è un diverso approccio alle conoscenze e alle scelte conseguenti rispetto al cervello umano. Vuol dire che possono esistere macchine (computer) capaci di interpretare l’ambiente in cui agiscono, accumulare esperienza e trasformarla in conoscenze in modo da sviluppare comportamenti e strategie adatti per conseguire i propri obiettivi, e questo secondo schemi che non sono necessariamente simili a quelli umani ma sono sempre “razionali” e, probabilmente, senza presupporre il concetto di “coscienza”.

L’intelligenza artificiale ha una storia già lunga. Ha avendo impatti enormi sulla nostra esistenza, anche se abbiamo difficoltà a vederli. I “sistemi esperti”, che sono una sorta di precursori delle IA, lavorano giorno e notte e fanno scelte sensate – secondo i criteri con cui sono state progettate. Ho però la sensazione che siamo in procinto di assistere a una sua crescita esplosiva, per diffusione e potenza.

Le recenti oscillazioni dei mercati finanziari sono state attribuite, in buona parte, all’azione di “robot”. Nei commenti si parla di “complessi algoritmi” in grado di decidere in autonomia quando, quanto e cosa comprare o vendere. Immagino che “intelligenze artificiali” sia una definizione più valida. Non mi stupisce che una delle prime applicazioni sia in ambito finanziario, dal momento che la ricerca del guadagno è uno dei primi moventi delle azioni umane e i soldi attirano altri soldi, anche in forma di investimenti.

Nei prossimi anni è probabile che le vedremo un po’ ovunque, le intelligenze artificiali, palesi o mimetizzate: gestione di supporto tecnico e clienti; veicoli che si guidano, in tutto o in parte, da soli: automobili, treni, navi, aerei con “piloti automatici avanzati”; gestione di siti produttivi o parte di essi; gestione di impianti di riscaldamento e condizionamento, sempre cercando di anticipare i nostri desideri e movimenti. Sapremo sfruttarle o le vedremo come nemiche? Serviranno il genere umano o una sua minoranza? Ci aiuteranno nelle scelte quotidiane? O magari anche in quelle politiche e macro-economiche? Aumenteranno la sicurezza o anche il controllo? Cancelleranno più posti di lavoro di quanti ne creeranno? E in ambito di attività intellettuali che impieghi troveranno? Contribuiranno anche al lavoro degli ingegneri o addirittura li sostituiranno, in tutto o in parte? E per quanto riguarda gli artisti? Anche loro potranno decidere di avere un assistente virtuale nella loro attività creativa? Saranno educati suggeritori o semi-dittatori? Nascerà un nuovo luddismo? O nuove forme di dipendenza?

Spiare miliardi di connessioni telefoniche e internet non sarà più un compito impossibile, quando il “filtraggio intelligente” delle informazioni potrà essere effettuato da programmi in grado di interpretare il senso del linguaggio umano, non solo le singole parole.

Avremo magari robot fotografi e video-operatori, in grado di comprendere la scena che hanno davanti e scegliere da se inquadratura e impostazioni ideali per riprese ad effetto.

In campo militare avremo probabilmente droni armati in grado di agire in autonomia, decidendo da se anche quando fare fuoco.

È solo un piccolo esempio delle possibilità.

Di certo viviamo in un’epoca eccezionale in cui molte cose incredibili sono diventate possibili. Il recente primo volo di FalconX Heavy ha creato, nel tecnico che sono, uno stato di autentica esaltazione. È stato come vedere trasformate in realtà le scene dei racconti di fantascienza della mia adolescenza, in particolare per i vettori che ritornano a terra atterrando in verticale. Anche le immagini del manichino, in automobile scoperta, nello spazio col pianeta Terra sempre più lontano sullo sfondo, nella sua inutilità, ha in se una potente forza simbolica ed evocativa (e ovviamente pubblicitaria). Ritengo che nella progettazione e nella manovra del nuovo vettore spaziale rientrino, in varie forme, intelligenze artificiali, ad affiancare la tecnologia aerospaziale.

Aspetto all’apparenza collaterale ma fondamentale: si tratta pur sempre di programmi software. Ambiti e limiti di applicazione, criteri, vincoli e obiettivi – la morale, in pratica – sono scelte di progetto effettuate di chi le commissiona e realizza. Ci saranno margini per porre limiti legali? È il caso di ragionare già in questo senso? E poi che aspetto – e che effetto – avranno gli inevitabili bachi software e hardware?

Un altro tema caro alla fantascienza è quello degli alieni. Penso che i veri alieni li stiamo costruendo, nei laboratori informatici, e dovremo imparare ad averci a che fare.

L’intelligenza artificiale è un’opportunità e un rischio in forme diverse e più profonde di quelle che immaginiamo.

.-+*+-*.

Aggiunnta (28/2/2018): le sublimi e spaventose fotocamere intelligenti.

 

Il mito del manager

10443288_10203767746292826_2014066990431917378_o

New York: la “patria” del manager di successo!

Negli anni ’80 dello scorso secolo è nato, almeno in Italia, il mito del “manager”.

Me lo ricordo bene, come tutte le cose che ti succedono dall’adolescenza fino alla prima giovinezza.

La parola “gestore” sapeva di burocratico e non rendeva l’idea. Il “manager” della fantasia popolare guadagnava, decideva, era rampante e arrogante, aggressivo e ammirato, perennemente giovane e griffato, sicuro di se fino a essere volgare. Decisionista: manovrava persone e capitali con velocità e sicurezza. Non aveva scrupoli ne remore. Era l’immagine del successo immediato: tutto e subito. Abiti firmati, Rolex al polso, telefonino che non era ancora smartphone, auto di lusso in procinto di diventare SUV e tutto il corollario di viaggi, ville, yacht, belle donne e quant’altro.

Fu coniata in quei giorni la parola “Yuppies”, giovani di successo ritratti, malamente ma efficacemente come sempre, dai film della commedia all’italiana. Diversi amici mi obiettavano in faccia che era inutile studiare: bastava buttarsi, investire, tirare su la fabbrichetta, giocare in borsa o darsi alla compravendita spregiudicata. Tutto quello che serviva erano poche nozioni, spavalderia e un piccolo capitale iniziale. I veri soldi erano lì, tanti e pronti per chi aveva abbastanza coraggio e pelo sullo stomaco per afferrarli.

La convinzione dell’importanza magica del manager creatore di ricchezza, se comprensibile tra gli adolescenti, lo era meno nell’impresa, eppure c’era. Tutti gli investimenti erano per accaparrarsi il gestore ideale, osannato e riverito dopo le prime vittorie, ricoperto di soldi e “benefit”, altro termine che cominciavamo a capire e che a noi italiani piaceva molto, perché faceva rima con “esentasse”. Le imprese pubbliche seguivano a ruota, anche se in quell’ambiente la spartizione politica e clientelare rimaneva la logica principe. Pochi soldi invece per la “ricerca e sviluppo”, termini adatti solo ad accaparrarsi qualche soldo pubblico sparso a pioggia.

Il mito del manager si poggiava su una crescita economica di cui nessuno voleva vedere la fine, sul mito della borsa globale, capace di creare denaro facendo girare denaro, e su un altro mito, quello del successo incrollabile della piccola e media impresa italiana (più piccola che media, per la verità, e sempre sotto-capitalizzata), che esportava grazie ai bassi costi consentiti dall’inflazione della Lira. I due miti citati sono crollati rapidamente, nell’arco di un decennio o giù di lì, e la colpa è stata molto più della Cina che dell’Euro. Le “bolle” in borsa scoppiavano una dopo l’altra e più grandi erano più in fretta collassavano. Gli artifici finanziari finivano per incartarsi su se stessi, a danno di molti e vantaggio dei soliti pochi. Battere la concorrenza tedesca sul prezzo era possibile, quella francese sulla qualità anche, ma attaccare l’industria cinese su prezzo e quantità era (ed è) inconcepibile. La maggioranza di quei giovani che sognavano la carriera rampante sono diventati impiegati, docenti, negozianti o, al più, piccoli professionisti.

Ma, come tutti i miti, anche quello del manager d’assalto è duro a morire. Ancora oggi incontro tanti ragazzi neo-laureati che non vedono l’ora di abbandonare le materie tecniche dei banchi d’università per diventare “manager” e scalare gli organigrammi delle imprese. E molte di queste ultime, in effetti, continuano a privilegiare i ruoli gestionali a quelli tecnici nella carriera e nelle retribuzioni.

Nel mio caso, per fortuna, devo riconoscere che non è stato così: ho scelto da subito di fare il tecnico, per vocazione, accettando il rischio di una carriera lenta, e invece sono stato ricompensato con sufficienti soddisfazioni, riscontri e sfide che mi danno il piacere di andare al lavoro ogni giorno.

La gestione è un compito importante, direi anche fondamentale, ma non autonomo ne tantomeno esclusivo. Il gestore ha senso se c’è qualcosa da gestire, ovvero persone che compiono un lavoro diretto e lo sanno fare bene. Diversamente il “manager” si riduce a un produttore di chiacchiere e venditore, magari ben retribuito.

Danzante

13316819_10207948047877753_1637757464722508977_o

Anche in quest’epoca informatica, le pratiche possono richiedere molto tempo e tanta carta. Aspetto con pazienza, seduto su una sedia imbottita davanti alla sua scrivania. Ma, se le incombenze sono tediose, nulla vieta di portarle a termine con eleganza, il che è già un bel passo avanti. La collega G. digita al computer come se danzasse con le dita. È uno spettacolo I polpastrelli saltellano eleganti da un tasto all’altro, lievi e veloci, sfiorandoli appena, rialzandosi subito lievi e descrivendo armoniosi archi nell’aria prima di toccare la lettera successiva. La tastiera è di quelle moderne, con tasti bassi, piatti e squadrati che invitano al tocco leggero, non quelli a corsa lunga e con l’appoggio concavo, adatti ad essere pestati. Secondo me da piccola G. voleva fare la ballerina.

Riflessioni sciolte sul lavoro

11794535_10205959508725517_4520121756242000738_o

Un’immagine dal Museo di Pietrarsa

Ogni lavoro è un po’ un gioco di ruolo e, a seconda dell’indole, ognuno lo vive più o meno come tale. A me sembra che viva meglio chi s’immerge un po’ di più nel personaggio, ovviamente senza esagerare.

Lo compresi durante il servizio militare: le giornate passavano meglio se “facevo finta” di essere davvero un soldato.

Una delle responsabilità di chi organizza o gestisce questo “gioco” è di fare in modo che esso contenga quanta meno cattiveria possibile. Una piccola dose è necessaria, ma non troppa, un po’ come il sale in cucina. Bisogna evitare che lo scopo del gioco sia prevaricare il prossimo, interno o esterno all’organizzazione, o che il successo, quale che esso sia, passi necessariamente per tale atto.

E’ importante perché le persone sono mediamente portate a rispettare le regole, soprattutto se questo porta un premio, e se queste regole comportano del male molti sono indotti a commetterlo con poco o nessuno scrupolo di coscienza. Esperimenti hanno dimostrato che è relativamente semplice trasformare uomini comuni in kapò quasi nazisti, con i giusti condizionamenti ambientali e personali.

\-/-|-\-/

C’è un momento della giornata in cui decidi se renderla speciale o farla trascorrere come tutte le altre.

Gran parte della retorica che circola nei social ti indurrebbe a ritenere corretta la prima scelta, e a sentirti moderatamente in colpa ogni volta che propendi per la seconda opzione. La questione raramente affrontata però è che il mondo non va avanti con sole giornate gloriose, ma ha bisogno di un gran numero di quotidianità ordinariamente produttive. Non solo di scelte eroiche e vistose ma anche di coerenza spicciola e coraggio quotidiano.

Una volta nel mio lavoro mi sono definito un “Man in Black”, perché la quasi totalità di esso avviene dietro le quinte. Dovrebbe essere quasi un’ambizione dei tecnici, una scelta etica, quella di essere invisibili al “grande pubblico”: l’ideale è che emergano solo le soluzioni, perché tutto il resto sono problemi.

\-/-|-\-/

Suggerimenti – tra il faceto e il serio

  • Un quarto d’ora d’impegno dopo un’ora di cazzeggio basta a mettere a posto la coscienza;
  • Rompere le scatole al prossimo per fargli fare qualcosa che ti torna utile è quasi sempre una buona idea;
  • Far lavorare il prossimo è più utile per la carriera che lavorare in prima persona;
  • Gestisci le scadenze come se avessi sempre una fila di impegni arretrati.