La seconda grande corsa allo spazio

Forse non tutti ce ne siamo accorti, ma siamo nel pieno di una nuova corsa allo spazio. Soprattutto in Italia, legati come siamo alle nostre vicende locali, perdiamo facilmente di vista non solo il “quadro generale” ma, molto più banalmente, quello che succede intorno, e consideriamo la tecnologia ancora come “una cosa da nerd”. Come se la politica, da sola, potesse risolvere un problema qualsiasi. Ma sto divagando: è in corso una nuova, accanita, cattivissima corsa allo spazio, solo che, a differenza della vecchia degli anni ‘50, ‘60 e ‘70, stavolta il primo movente non è politico bensì commerciale. È in corso una gara allo sfruttamento economico dello spazio in tutte le sue forme: comunicazioni, risorse e turismo, e i concorrenti non sono più gli stati, la NASA, l’ente spaziale russo o cinese, per non parlare di quello europeo: no, i concorrenti veri oggi sono aziende private. Vediamoli, per capire un po’ meglio.

SpaceX. È il più ambizioso, il “gioiello della corona” di quel monarca economico illuminato che è Elon Musk che annovera nel suo paniere aziende come Tesla e Pay-Pal. Per loro raggiungere lo spazio con vettori riutilizzabili è stato solo il primo passo, effettuare rifornimenti regolari alla Stazione Spaziale solo il secondo, lanciare verso Marte una Tesla Spider per collaudare il loro nuovo vettore “Falcon X Heavy” solo un atto dimostrativo: il vero obiettivo sono Luna e Marte, e allo scopo stanno realizzando “Starship”, l’astronave d’acciaio inox in grado di raggiungerli.

Blue Origin, fondata dal miliardario Jeff Bezos segue un percorso simile a quello di SpaceX, ma con più calma e un fine più ristretto. Anche loro puntano su razzi vettori riutilizzabili, in grado di atterrare verticalmente dopo aver lanciato in orbita il loro carico, come in un film di fantascienza di settant’anni fa. Ma lo scopo è quello di mandare astronauti in orbita, compresi turisti paganti desiderosi di provare l’assenza di gravità.

Virgin Galactic, di Sir Richard Branson, è partita per prima e con un approccio diverso: un grande aeroplano, simile a due alianti assemblati assieme, porta in alta quota un piccolo “spazioplano”. Questo, una volta sganciato dall’aereo madre, accende un motore a razzo e punta in alto, oltre l’atmosfera. In questo modo “tocca” lo spazio, oltre gli 80 Km di quota. I passeggeri a bordo possono vedere il buio dello spazio, le stelle, apprezzare la curvatura della Terra e provare l’assenza di gravità per qualche minuto, prima di effettuare la discesa verso terra, prima in volo balistico, poi spiegando le ali e procedendo in planata fino alla pista d’atterraggio. Hanno avuto un incidente mortale qualche anno fa, perdendo un collaudatore, ma si sono ripresi.

Come vedete ogni impresa ha il suo ricco sponsor alle spalle. Chi vincerà? Chi si accaparrerà i lauti guadagni dei ricchi che vogliono provare l’ebrezza dello spazio e di stati, enti pubblici e privati che vogliono mettere in orbita satelliti a basso costo? Chi porterà gli astronauti sulla Stazione Spaziale Internazionale e magari i materiali e il personale per il “salto” verso la Luna o Marte? Sembra probabile che Virgin Galactic sarà la prima ad aprire i battenti a ricchi alla ricerca di nuove emozioni, ma SpaceX è avanti nello spazio vero e proprio e anni luce avanti nelle ambizioni, anche se Blue Origin non sta certo a guardare. Quello che è evidente è che gli enti spaziali “tradizinali” sono in ritardo: i programmi paralleli di NASA ed ESA sembrano già obsoleti rispetto a quanto stanno dimostrando i loro rivali privati. Si vedrà.

Annunci

Avventura e prudenza

La storia è fatta di periodi “avventurosi”e “prudenti” che si alternano.

O almeno così mi sembra.

Diamo un’occhiata al passato. Le guerre mondiali, che hanno caratterizzato la prima metà del secolo scorso, sono ovviamente periodi avventurosi (in senso deleterio, ovviamente). Nel mezzo, oltre all’euforia dei ruggenti anni ’20, che di fatto proseguiva lo spirito entusiasta della precedente con un nuovo spirito edonistico, creativo e godereccio, è stato sostanzialmente “prudente”. Basti pensare all’estrema difficoltà delle democrazie occidentali a riconoscere il nemico nazista, evidenziato dai numerosi tentativi, da Lord Chamberlain in giù, di scendere a patti con il mostro Adolf Hitler. C’era pure chi lo considerava un riferimento, in Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti  e altrove, a dire il vero. C’era stato anche il crollo di Wall Street del ’29 a riportare tutti a più miti consigli.

Il primo dopoguerra, dopo il Secondo Conflitto Mondiale, è stato ancora un periodo “avventuroso”. Si affrontava la ricostruzione con entusiasmo, fiducia nel futuro, nei progressi della scienza e nelle proprie forze. Si sono fatti sacrifici e anche errori, ma sempre con obiettivi ambiziosi. Questo spirito è proseguito per buona parte della Guerra Fredda (sempre guerra a far binomio con avventura…) e anzi è stato da questa alimentato: la paura del nemico ad Est e l’orrore nucleare che doveva essere esorcizzato hanno fatto da stimoli potenti, convincendo autorità e gente comune ad assumere rischi e trovare risorse economiche quasi illimitate. In Italia l’epoca della ricostruzione e del boom economico sono state caratterizzate dal desiderio di rischiare in vista di un futuro migliore, sia personale sia collettivo. Si sono realizzate opere pubbliche oggi quasi impensabili e che non abbiamo saputo sempre ben gestire (vedi il Ponte Morandi a Genova, ma è solo un esempio). In campo internazionale l’evidenza è ancora più lampante. La corsa allo spazio culminata con le missioni lunari Apollo ne è forse l’esempio più evidente: talmente azzardata e “avanti” che oggi sembra fantascienza, al limite dell’immaginabile, al punto che qualcuno finisce per metterne in dubbio la stessa realtà (se non siamo capaci di farlo oggi, con gli strumenti di cui disponiamo, come è stato possibile tanti anni fa?) In altri settori dell’aeronautica si osserva lo stesso approccio: realizzazioni estreme come l’aereo razzo prototipale X-15 (quello all’inizio del recente film su Neil Armostrong) oppure l’aereo-spia SR-71 “Balckbird”, da oltre tre volte la velocità del suono, o anche il Concorde per attraversare l’Atlantico in quattro ore, sono esempi di realizzazioni oggi non solo non gestibili, ma addirittura improponibili: non supererebbero nessuna valutazione di fattibilità, di rapporto costo-benefici, di analisi del rischio. Tornando in Italia, anche gli “anni di piombo” del terrorismo sono stati di assunzione di rischi e impegni giganteschi. Forse proprio in reazione ad essi lo stimolo ad affrontare e programmare si è affievolito.

Dagli anni ’80 circa, finita una breve parentesi di introflessione edonistica, fino a oggi (o a ieri), abbiamo vissuto infatti un “periodo prudente”, anche se “utilitaristico” forse è il modo migliore per definirlo. Ogni impresa era valutata dalla possibilità di portare ritorno economico nel minor tempo possibile. Una prospettiva di guadagno in tre anni era il massimo che un investitore sensato riuscisse a concepire, mentre il finanziatore-medio, soprattutto se di poche risorse, aveva prospettive ancora più breve. Niente rischi, ritorno rapido. Anche gli interventi pubblici sono stati lenti e riflessivi, spalmati negli anni e pieni di ripensamenti, anche se questo non ha evitato la corruttela.

In campo scientifico e, ancora di più, tecnologico, ne abbiamo vissuto gli effetti. Pochi nuovi successi clamorosi, tranne forse in campo genetico. La scienza è andata avanti e di molto ma senza le rivoluzioni di cent’anni fa, ovvero la teoria della relatività e la meccanica quantistica, che rappresentano ancora oggi la nostra prospettiva in fisica. Rallentamento della corsa allo spazio fino quasi a fermarsi. Gli astronauti trasformati da eroi del mito moderno a sorta di iper-tecnici dello spazio, o addirittura di operai ultra-specializzati. Non che i rischi non ci fossero, ma incomparabilmente controllati rispetto all’epoca precedente e spesso legati al prevalere di considerazioni economiche, come il disastro dello Space Shuttle, in buona parte legato al tentativo di ridurre i costi di ricambi, sicurezza e gestione in generale, proprio nell’ottica di far rientrare l’utilizzo della Navetta Spaziale nei canoni di un’impresa sostenibile e magari redditizia. Niente più Concorde o altri veicoli supersonici: ottimizzazione, aumento del confort e dell’efficienza come obiettivi fondamentali delle imprese aeronautiche.

La sensibilità in generale sul concetto di sicurezza è cambiata e questo è un bene. Basta cercare i video di qualche gara automobilistica degli anni ’50 o ’60 per rendersene conto, oppure farsi raccontare, da chi oggi è in pensione, come si svolgesse il lavoro in fabbrica, in campagna o anche in ufficio fino a non tantissimi anni fa. Ma, al di la della tutela della vita umana, l’idea stessa che si possano affrontare dei rischi, anche economici, o faticare in modo particolarmente gravoso, in vista di un risultato desiderabile, è cambiata. La speranza stessa che impegnandosi si possa ottenere qualcosa si è affievolita. Si è sfumata la speranza e con essa la volontà.

La stessa crisi economica dei sub prime dimostra che è prevalso l’impegno a fare soldi con i soli soldi, soprattutto con quelli degli altri, evitando il rischio di attività pratiche. E la crisi economica ci ha introdotto in un periodo ancora più prudenziale (parlo in primo luogo dell’Italia): intraprendere è troppo rischioso, giocare in borsa pericoloso, investimenti pubblici manco a parlarne: meglio concentrarsi a conservare lo stato attuale. Comodità minime correlate a rischio minimo, associato alla paura di qualsiasi cambiamento, senza pensare alla Cina che incombe e dando la colpa del degrado agli immigrati o agli imprenditori cattivi. Insomma, il posto pubblico o il reddito di cittadinanza come obiettivo di vita.

Oggi ci sono alcuni segnali di un ritorno alla “avventura”, o almeno così mi sembra. Il quadro politico è volto tutto al conservatorismo, ma è in buona parte una reazione al timore del nuovo che avanza – immigrati, potenze emergenti, perdita di vecchi equilibri e certezze – che alla lunga sarà impossibile negare. Nel campo che amo, ovvero quello tecnologico, l’impegno di miliardari in imprese rischiose – primo fra tutti Elon Musk, con Tesla, SpaceX eccetera – segna un cambio di passo rispetto all’approccio prudenziale dei decenni precedenti. Durerà? Si espanderà? Che direzione prenderà? Lo sapremo solo vivendo.

Un futuro insolito

13323790_10207948037957505_7998547245230242778_o

Lo scorso fine settimana si è chiuso, a Napoli, il Maggio dei Monumenti, con una sfilata storica rievocativa dell’ingresso a Napoli, nel 1734, del primo re Borbone: quel Carlo che, diversi anni dopo, sarebbe diventato Carlo III di Spagna. Manifestazione coinvolgente, ai trecento anni dalla nascita del sovrano, anche se dalla coerenza storica molto discutibile, a cominciare da un re molto più avvenente di quanto ci raccontano le cronache e seguendo con abbigliamento dei figuranti… non del tutto settecentesco. Seguendo il tutto e lo spettacolo conclusivo, in Piazza del Plebiscito, mi è venuto in mente un abbozzo di racconto di “storia alternativa”. Sconclusionato com’è, ve ne faccio dono. Non rubatelo eh!

***

La “Re Carlo” si avvicinava lentamente. Quando si approccia un asteroide non si può mai essere certi di cosa si troverà e, anche se i rilievi dei droni di prospezione erano positivi, una sorpresa era sempre possibile. Una frattura al momento del primo contatto da cui si rilascia un getto di gas, ad esempio. Bisognava essere prudenti.

Il braccio meccanico toccò la superficie sollevando una nuvoletta di polvere e detriti che subitosi disperse nel vuoto cosmico, poi il trapano entrò in funzione. Per fortuna trovò roccia compatta, come atteso, e l’arpione potè fare presa e far approdare saldamente l’astronave all’asteroide. Il primo passo era fatto. Ora bisognava procedere alla presa di possesso formale.

Un braccio meccanico pianto la bandiera bianca con lo stemma borbonico sulla superficie del corpo celeste, mentre il comandante della missione inviava via radio, su tutte le frequenze di comunicazione internazionale, il comunicato di rito: “In nome di Sua Altezza il re Ferdinando VII e del popolo del Regno di Napoli e di Spagna, prendo possesso di questo astro, dandogli il nome di Asteroide Maria Isabella”.

Ferdinando Cuomo, il comandante, spense la radio e tirò un sospiro di sollievo. Slacciò la cintura di sicurezze e allungò le braccia lasciandosi sollevare senza peso dal sedile di comando missione. Si massaggiò la faccia e sentì la stanchezza della giornata cascargli addosso come una coperta di sonno. Il più era fatto, per oggi. Si era guadagnato una decorazione, i complimenti sarebbero arrivati tra qualche ora, dopo che il messaggio, viaggiando alla velocità della luce, avesse attraversato il Sistema Solare e raggiunto Napoli, e dopo che la risposta fosse tornata all’astronave facendo il percorso inverso. Poteva concedersi qualche ora di riposo, ma presto cominciava il lavoro vero. C’era da iniziare le prospezioni mineralogiche, sperando che quel gran masso nel cosmo fosse davvero ricco come si sperava. La politica si combatteva anche laggiù, dove il Regno di Napoli tentava di conquistare il suo spazio mercantile interplanetario tra contendenti possenti come gli Stati Uniti d’America e Messico e la Repubblica Popolare di Cina e India.

L’Universo, il vuoto e tutto quanto

Small_IMG_7313proc_notturno

Nelle descrizioni che si danno dell’Universo, non si spiega quasi mai quanto sia vuoto. Secondo me non solo perché è difficile farlo capire, ma perché proprio c’è un ostacolo mentale ad affrontare il tema. Lasciamo da parte telefilm e altre opere di fantascienza, dove a ogni puntata o capitolo si deve incontrare un pianeta e una razza aliena, finendo per descrivere uno Spazio sovraffollato di corpi celesti e creature, per lo più simili alla Terra e agli esseri umani. Anche nella divulgazione “seria” ci si concentra sul “pieno”, sugli oggetti che si osservano, tralasciando lo sterminato “vuoto” che li separa l’uno dall’altro.

Cominciamo dal Sistema Solare: se paragonassimo il nostro amato pianeta Terra (amato ma non tanto, considerato come lo trattiamo) a una biglia da due centimetri di diametro, l’orbita di Nettuno avrebbe un diametro di alcuni chilometri. Plutone, declassato da pianeta a pianetino, sarebbe ancora più lontano. E in mezzo? Praticamente nulla, tranne una manciata di pianeti grandi, al più, come bocce, e un po’ di sassolini e granelli di polvere a modellare satelliti, asteroidi e altri oggetti astrali. Qui di seguito un video che mostra un modello in scala di questo tipo, realizzato nel deserto del Nevada. Spettacolare vero?

Per arrivare poi alle stelle vicine nella nostra Galassia sarebbe necessario percorrere distanze sterminate, ovvero anni luce di vuoto. Le galassie, a loro volta, sono separate tra loro da distanze inimmaginabili, eccetera.

Singolarmente, lo stesso fenomeno si verifica nell’infinitamente piccolo: elettroni, neutroni e protoni, che compongono gli atomi, hanno dimensioni infinitesime rispetto a quelle, già difficili da immaginare, degli atomi stessi.

In pratica il componente fondamentale dell’Universo è il vuoto. Secondo i nostri criteri abituali, l’Universo si può descrivere come vuoto, con dispersa una frazione trascurabile di altri componenti. Ciò anche tenendo conto della “materia oscura” dei “buchi neri” e di altri concetti che si teorizzano per spiegare le osservazioni.

Secondo me è una carenza della fantascienza, non soffermarsi sullo spazio in quanto tale. C’è stato qualche tentativo, ma quelli che conosco non mi sono sembrati molto riusciti. In parte funzionano i tempi lunghi di alcune magistrali realizzazioni, a cominciare dal celeberrimo “2001”.

In effetti è difficile parlare del vuoto, come si fa? Come lo si descrive o traccia? Come lo si fa sentire? Inoltre crea sgomento, fa paura, dà vertigine e senso di spaesamento. Non è accogliente, il vuoto, è troppo lontano dalla nostra dimensione umana.

Occhio, che sto parlando di “vuoto” e non di “nulla”: sono due concetti fisicamente e filosoficamente diversi: il vuoto ha dimensioni di spazio e tempo, ha proprietà termiche ed elettriche, può essere deformato, ampliato o ristretto, nella sua combinazione spazio-tempo è l’elemento fondamentale della relatività Einsteiniana. Il vuoto è una sorta di sostanza, insomma, la cui caratteristica più interessante è di lasciarsi attraversare dalla materia.

Il big-bang primordiale, da cui s’ipotizza che sia nato l’universo, non è banalmente una grande esplosione, come da vulgata: non è materiale che si espande nello spazio vuoto, perché prima del big-bang neanche questo esisteva. E’ invece proprio lo “srotolarsi” dello spazio-tempo, che espande le sue frontiere trasportando la materia, che in esso si evolve. E’ – ma questa è una mia nota personale di cui mi scuserete – l’immagine migliore possibile della Creazione, il vero “Fiat Lux” originario.