La Vita

La vita è impalpabile. La vita è labile. La vita è inconsistente.

La vita è sfumata, manca di confini netti, di continuo li cancella, li attraversa e si ritrae.

La vita è multi-scala, frattale: caos regolare.

È meccanica, biochimica ed elettrochimica.

È impulsivamente filosofica.

È forte e colonizzatrice.

È diffusa e accentratrice.

Selettiva e assimilatrice è la vita.

È egoista, sregolata e affamata, ma istintivamente logica, conseguenziale.

Schiava di se stessa come un ribelle alla sua ideologia.

Ama se stessa sopra ogni cosa, anche sopra il singolo individuo vivo.

Moltiplicarsi all’infinito è la sua unica ragione, il suo scopo.

Felicità, amore, piacere, dolore, sacrificio sono per essa strumenti.

La vita è bene a se stessa. O almeno così dicono quelli a cui la vita ha dato molto.

Non è corretto dire che finché c’è vita c’è speranza: la vita è in se speranza. Speranza in movimento, agitata, inquieta, instabile. Fulminante in guizzi indecifrabili istantanei. Ma anche placida, di lunga durata, pachidermica, arborea.

Ma, infine, è viva in se, e quindi quanto di più simile al divino di ciò che esiste? Oppure vive come ombra di una vita superiore, ovvero del divino? A ciascuno l’ardua sentenza e le ancor più ardue conseguenze, che qua mi fermo.

Questo post non saprei bene come definirlo. Magari “prose sparse”, oppure “prose sciolte”. Aspetto suggerimenti e/o improperi.

Annunci

Avventura e prudenza

La storia è fatta di periodi “avventurosi”e “prudenti” che si alternano.

O almeno così mi sembra.

Diamo un’occhiata al passato. Le guerre mondiali, che hanno caratterizzato la prima metà del secolo scorso, sono ovviamente periodi avventurosi (in senso deleterio, ovviamente). Nel mezzo, oltre all’euforia dei ruggenti anni ’20, che di fatto proseguiva lo spirito entusiasta della precedente con un nuovo spirito edonistico, creativo e godereccio, è stato sostanzialmente “prudente”. Basti pensare all’estrema difficoltà delle democrazie occidentali a riconoscere il nemico nazista, evidenziato dai numerosi tentativi, da Lord Chamberlain in giù, di scendere a patti con il mostro Adolf Hitler. C’era pure chi lo considerava un riferimento, in Francia, Gran Bretagna, Stati Uniti  e altrove, a dire il vero. C’era stato anche il crollo di Wall Street del ’29 a riportare tutti a più miti consigli.

Il primo dopoguerra, dopo il Secondo Conflitto Mondiale, è stato ancora un periodo “avventuroso”. Si affrontava la ricostruzione con entusiasmo, fiducia nel futuro, nei progressi della scienza e nelle proprie forze. Si sono fatti sacrifici e anche errori, ma sempre con obiettivi ambiziosi. Questo spirito è proseguito per buona parte della Guerra Fredda (sempre guerra a far binomio con avventura…) e anzi è stato da questa alimentato: la paura del nemico ad Est e l’orrore nucleare che doveva essere esorcizzato hanno fatto da stimoli potenti, convincendo autorità e gente comune ad assumere rischi e trovare risorse economiche quasi illimitate. In Italia l’epoca della ricostruzione e del boom economico sono state caratterizzate dal desiderio di rischiare in vista di un futuro migliore, sia personale sia collettivo. Si sono realizzate opere pubbliche oggi quasi impensabili e che non abbiamo saputo sempre ben gestire (vedi il Ponte Morandi a Genova, ma è solo un esempio). In campo internazionale l’evidenza è ancora più lampante. La corsa allo spazio culminata con le missioni lunari Apollo ne è forse l’esempio più evidente: talmente azzardata e “avanti” che oggi sembra fantascienza, al limite dell’immaginabile, al punto che qualcuno finisce per metterne in dubbio la stessa realtà (se non siamo capaci di farlo oggi, con gli strumenti di cui disponiamo, come è stato possibile tanti anni fa?) In altri settori dell’aeronautica si osserva lo stesso approccio: realizzazioni estreme come l’aereo razzo prototipale X-15 (quello all’inizio del recente film su Neil Armostrong) oppure l’aereo-spia SR-71 “Balckbird”, da oltre tre volte la velocità del suono, o anche il Concorde per attraversare l’Atlantico in quattro ore, sono esempi di realizzazioni oggi non solo non gestibili, ma addirittura improponibili: non supererebbero nessuna valutazione di fattibilità, di rapporto costo-benefici, di analisi del rischio. Tornando in Italia, anche gli “anni di piombo” del terrorismo sono stati di assunzione di rischi e impegni giganteschi. Forse proprio in reazione ad essi lo stimolo ad affrontare e programmare si è affievolito.

Dagli anni ’80 circa, finita una breve parentesi di introflessione edonistica, fino a oggi (o a ieri), abbiamo vissuto infatti un “periodo prudente”, anche se “utilitaristico” forse è il modo migliore per definirlo. Ogni impresa era valutata dalla possibilità di portare ritorno economico nel minor tempo possibile. Una prospettiva di guadagno in tre anni era il massimo che un investitore sensato riuscisse a concepire, mentre il finanziatore-medio, soprattutto se di poche risorse, aveva prospettive ancora più breve. Niente rischi, ritorno rapido. Anche gli interventi pubblici sono stati lenti e riflessivi, spalmati negli anni e pieni di ripensamenti, anche se questo non ha evitato la corruttela.

In campo scientifico e, ancora di più, tecnologico, ne abbiamo vissuto gli effetti. Pochi nuovi successi clamorosi, tranne forse in campo genetico. La scienza è andata avanti e di molto ma senza le rivoluzioni di cent’anni fa, ovvero la teoria della relatività e la meccanica quantistica, che rappresentano ancora oggi la nostra prospettiva in fisica. Rallentamento della corsa allo spazio fino quasi a fermarsi. Gli astronauti trasformati da eroi del mito moderno a sorta di iper-tecnici dello spazio, o addirittura di operai ultra-specializzati. Non che i rischi non ci fossero, ma incomparabilmente controllati rispetto all’epoca precedente e spesso legati al prevalere di considerazioni economiche, come il disastro dello Space Shuttle, in buona parte legato al tentativo di ridurre i costi di ricambi, sicurezza e gestione in generale, proprio nell’ottica di far rientrare l’utilizzo della Navetta Spaziale nei canoni di un’impresa sostenibile e magari redditizia. Niente più Concorde o altri veicoli supersonici: ottimizzazione, aumento del confort e dell’efficienza come obiettivi fondamentali delle imprese aeronautiche.

La sensibilità in generale sul concetto di sicurezza è cambiata e questo è un bene. Basta cercare i video di qualche gara automobilistica degli anni ’50 o ’60 per rendersene conto, oppure farsi raccontare, da chi oggi è in pensione, come si svolgesse il lavoro in fabbrica, in campagna o anche in ufficio fino a non tantissimi anni fa. Ma, al di la della tutela della vita umana, l’idea stessa che si possano affrontare dei rischi, anche economici, o faticare in modo particolarmente gravoso, in vista di un risultato desiderabile, è cambiata. La speranza stessa che impegnandosi si possa ottenere qualcosa si è affievolita. Si è sfumata la speranza e con essa la volontà.

La stessa crisi economica dei sub prime dimostra che è prevalso l’impegno a fare soldi con i soli soldi, soprattutto con quelli degli altri, evitando il rischio di attività pratiche. E la crisi economica ci ha introdotto in un periodo ancora più prudenziale (parlo in primo luogo dell’Italia): intraprendere è troppo rischioso, giocare in borsa pericoloso, investimenti pubblici manco a parlarne: meglio concentrarsi a conservare lo stato attuale. Comodità minime correlate a rischio minimo, associato alla paura di qualsiasi cambiamento, senza pensare alla Cina che incombe e dando la colpa del degrado agli immigrati o agli imprenditori cattivi. Insomma, il posto pubblico o il reddito di cittadinanza come obiettivo di vita.

Oggi ci sono alcuni segnali di un ritorno alla “avventura”, o almeno così mi sembra. Il quadro politico è volto tutto al conservatorismo, ma è in buona parte una reazione al timore del nuovo che avanza – immigrati, potenze emergenti, perdita di vecchi equilibri e certezze – che alla lunga sarà impossibile negare. Nel campo che amo, ovvero quello tecnologico, l’impegno di miliardari in imprese rischiose – primo fra tutti Elon Musk, con Tesla, SpaceX eccetera – segna un cambio di passo rispetto all’approccio prudenziale dei decenni precedenti. Durerà? Si espanderà? Che direzione prenderà? Lo sapremo solo vivendo.

Quello che

DSC_0708_Finestra-sul-mare

Iniziamo il 2018 in versi. Come sempre, richiedono lettori pazienti. In un certo senso, contiene dei propositi.

***

Quello che non ho

È la forza di crederti contro me stesso,

La mania di forzare il destino e il suo passo,

L’avidità per sacrificare il presente al possesso,

L’incoscienza di chi, fatto il danno,

Dorme con sonno di sasso.

.

Quello che non ho più

È la pazienza inerte d’aspettare

Il meglio che non ha voglia di venire

E la volontà di sforzarmi per assecondare,

Ancora, quelli che non vogliono cambiare

– Moventi gravi del mio passato errare –

.

Quello che mi resta

È l’appetito di lieve vita,

Variegata d’affetti a tratto di matita,

Una maglia di passioni mista e intricata

E un impegno quotidiano di lunga durata,

Che assaporino di senso i minuti e la giornata.

.

Quello che ho ritrovato

E’ ciò che non potrò mai cambiare,

In me, per sopravvivere, un’esigenza

Che m’impone d’affrontare

L’inerte e il vecchio, di scalzare

Gli ostacoli a una più onesta sussistenza,

Come scorie che opprimono il cuore.

Un’ottusa, irragionevole insistenza

A faticare ogni dì, realizzare con pazienza,

Con lenta, ottusa, quotidiana coscienza,

Qualcosa che abbia dignità di restare.

.

Quel che mi ha trovato

È un amore un po’ stonato,

Che non l’annega, ma dà senso al resto

Ed è motivo per cui, non inerte, resto!

Come una pozza di pace liscia,

Fresco e piccolo, che non spiega

Il baratro nero dove la vita si lascia,

Ma scorre nell’orcio del cuore, a sorso e goccia.

È una speranza che ritrovo a ogni piega

Della vita e a cui m’unisce una fascia

Forte, come quella che mi lega

A questa pazza, compagna d’amore, che non mi lascia,

Beato me.