L’effetto Signorina Silvani

signorina silvani

Sottotitolo: Ovvero delle ridicole conseguenze dell’asimmetria di distribuzione dei generi negli ambienti umani chiusi

Lavorando in azienda, ho capito che Fantozzi è molto più che una comica. Non è nemmeno strettamente una satira: è solo un ritratto, leggermente esacerbato, di quello che accade quotidianamente.

Uno dei personaggi secondari della saga è la Signorina Silvani, che ad un certo punto mette la testa a partito, sposa il collega più meschinamente splendido e diventa Signora Calboni. Il ruolo è magistralmente interpretato da Anna Mazzamauro.

Ma chi è costei, la Silvani intendo? Ci si potrebbe dilungare, ma, per focalizzare il punto che m’interessa, è una quasi-cozza, attempata e pressoché rozza che, nell’ambiente chiuso e prettamente maschile dell’ufficio, in cui impiegati svogliati sono costretti a trascorrere la maggior parte della loro grigia vita per quel magro stipendio che gli consente di campare, diventa una specie di miss, un simbolo erotico, l’ “eterno femminino” dei poveri e, ovviamente, l’impossibile passione segreta di Fantozzi (che, detto fra noi, ha una moglie decisamente più attraente).

“Assurdo”, direte in coro, “c’è tutto un mondo di donne fuori, anche il più tetro degli scribacchini salariati lo sa”.

Verissimo invece, ed è visibile quotidianamente. In ogni ambiente a stretta prevalenza maschile – certe facoltà universitarie, uffici tecnici, amministrazioni d’impresa – la belloccia di turno è oggetto di attenzioni e cortesie, non va mai a prendere il caffè da sola, ma sempre con un nutrito nugolo di accompagnatori sorridenti e cortesemente schiamazzanti. Non è un vero e proprio corteggiamento, nella maggior parte dei casi, ma una specie di obbligo sociale.

E la belloccia reagisce nello stesso modo della Mazzamauro, pardon Silvani: s’imbelletta, si mette in mostra, si atteggia a semi-diva, ostenta sicurezza e condiscendenza. Nulla di male, beninteso, tutto fa parte dell’ordinario, della consueta recita del quotidiano.

La situazione diventa ancora più interessante quando le Silvani sono più d’una, perché tra loro si scatena una sorta di competizione, a colpi di tacchi, pettinature, aderenze e scorciamenti d’abito e di altre cure estetiche. Lotta non dichiarata, ovviamente, ed ognuna delle coinvolte la negherebbe ad alta voce, eppure concretissima. La rivalità fra donne può essere più dura di quella tra gli uomini, e la prevalenza sociale, anche in un ambiente ristretto, è dolce e ambita per entrambi i sessi, con sfumature diverse ma con la stessa forza.

Morale? C’era una volta un mondo in cui stretti steccati dividevano le aree lavorative maschili e femminili. Ci sarà un giorno in cui si potrà scegliere il proprio lavoro in base alle proprie attitudini, con minimi condizionamenti ambientali, sociali e di genere. Oggi siamo nel mezzo e la disuniforme composizione di un ambiente, in termini di generi, porta deformazioni del comportamento.

Annunci