Finestre in serie

Web_IMG_5548_finestre-raddrizzate

Mi sono accorto che le schiere di finestre sono per me un soggetto fotografico ricorrente. Ogni volta che vedo una bella facciata ampia e ordinata mi viene voglia di inquadrare e scattare. La ripetizione con lievi differenze di davanzali, infissi e linee di demarcazione sà tanto di pop-art, ma soprattutto è un cliché della modernità, la produzione in serie applicata all’abitare. Modernità intesa in senso ampio, non solo industriale. Guardando bene, ogni balcone o apertura ha qualche dettaglio che lo distingue, sengno del tempo o di chi lo abita. In questa raccolta ho applicato il trucco di deformare le foto raddrizzando le linee verticali, perché questo, secondo me, questo rende più straniante la prospettiva e enfatizza il senso di ciclicità. Senza pretese di originalità assoluta, che è ormai praticamente impossibile, mi chiedo se a qualcun altro sembrano interessanti come a me.

Web_IMG_4049proc.

Web_IMG_5671proc

Web_IMG_5690_finestre-albergo

Web_IMG_2796ritaglio2

Web_IMG_9996_facciata-1

Web_ritmo-balconi_01

Annunci

Venticinque aprile, non dimenticare

25-aprile-2006_2

In anticipo sulla festività nazionale, con profondo senso di responsabilità civile, prendendo il coraggio a due mani, pubblico una poesia che scrissi quasi dieci anni fa, sulla teoria e la realtà di questa ricorrenza. La foto è originale di quel giorno: si vede quanto sono cambiati i telefonini in questi anni.

~~~

25 Aprile 2006

Tesa, solinga, al sol di primavera

assiste, tricolore, una bandiera.

Alla folla rada, di bimbi un coro

canta “o bella ciao”, scherzando tra di loro.

Foto in posa, con sindaco e assessori,

poi van via, ridendo, coi genitori.

 

Fiera è la voce dell’anzian che narra

di guerre, eroi, martiri, ideali e fedi.

Odon pochi, alcuni anziani, caparra

d’onor, che un dì all’anno, Aprile, concedi.

 

Maggiore l’enfasi, minori i consensi.

Nessuno dei bimbi è stato, col parente.

Ode chi vuole, e sol ciò che udir vuolsi,

ognun col suo pensier, con sua patente.

 

Seguono canti partigiani ignoti.

Vado. Stan, beati e plaudenti, i convinti.

Porte aperte al Tribunale, anzi sfondate

File tribunale Napoli (Nicola Clemente) (3)

E’ stato forse l’evento del giorno ieri. Ingressi controllati al tribunale di Napoli, dopo il delitto efferato di Milano, ma i varchi sono pochi e mal gestiti. Dopo ore e ore di fila, alcuni avvocati hanno perso la pazienza e forzato per entrare nel tribunale. Forzato fisicamente: nei tumulti una porta a vetri è stata sfondata e qualche ferito. Passo indietro delle autorità: si torna al “vecchio regime” di ingresso col solo tesserino per gli avvocati. Vorrei fare qualche considerazione a margine, non so se banale o già detta, ma d’altra parte questo è un blog di opinioni personali, quindi eccola.

a) Napoli è una città perennemente al limite. Nello specifico il tribunale è di norma congestionato. Ho tanti amici avvocati che mi parlano di file per gli ascensori (insufficienti, e quindi mal progettati), piani e piani fatti a piedi per risparmiare tempo, corse fra le varie sedi centrali e distaccate.

b) In questo quadro, introdurre un collo di bottiglia, per di più senza predisporre tutto nel modo adeguato – numero di varchi, di metal detector fissi e mobili, di personale addetto – avrebbe sicuramente portato il sistema al collasso. Se l’autorità, quando ha dato le disposizioni, non l’ha capito, è incompetente. Se lo temeva ma ha preso la decisione ugualmente, per non fare “brutta figura” con il governo centrale, allora è ancora di più incompetente. Nella stessa mattinata quelle code interminabili erano il segnale palese che il sistema non funzionava: deve per forza avvenire il “fattaccio” perché si faccia un passo indietro?

c) Gli avvocati non sono tutti uguali. Non tutti sono ugualmente persone “civili e ben educate” come ci si aspetterebbe dallo stereotipo del professionista. Più in generale la figura professionale dell’avvocato si è svalutata, inflazionata. I grandi avvocati di grido con la fila fuori dalla porta dello studio sono pochi, spesso hanno ereditato lo studio da generazioni precedenti di avvocati, e hanno alle dipendenze platee di collaboratori più o meno stipendiati e di praticanti istituzionalmente non pagati, che non possono permettersi di mettersi in cattiva luce. Peggio ancora i piccoli professionisti che combattono per catturare qualche cliente. Ben pochi di loro possono permettersi di perdere udienze e giornate di lavoro a causa di code insensate: cosa vai a raccontare al cliente? “La sua udienza è saltata perché è ero in coda”. Nel panorama sovraffollato, impoverito e caotico della giustizia partenopea, è difficile procurarsi clienti, difficilissimo farsi pagare e automatico perdere clienti e soldi se qualcosa va storto.

d) Infine, gli avvocati, nella loro saggezza legale, hanno implicitamente dichiarato che, in qualche caso, è lecito infrangere le leggi, se illogiche e imposte in modo insensato. D’altra parte, se la strage è avvenuta a Milano, perché mai dovrebbe aumentare immediatamente i rischi a Napoli? Per di più in una sede di tribunale abitualmente frequentata da personaggi poco raccomandabili (e magari non tutti nei panni di imputato). C’è da sperare che lo stesso tipo di comprensione si applichi agli altri cittadini, magari nei casi in cui non fanno danno al prossimo o alla collettività.

e) Ma, la cosa che, da tecnico, mi piace di più della faccenda, è che gli avvocati sono dovuti uscire dalla loro logica leguleia e ammettere, per una volta, che non tutti i problemi sono risolvibili ricorrendo all’articolo o al precedente. La superiorità della realtà fisica sulla virtualità delle carte bollate rivelata da un metal detector e una porta a vetri. In un certo senso, evviva!

L’educazione al rumore

IMG_4260_dettaglio-audio

Stiamo facendo crescere una generazione ancora più rumorosa della nostra? Lo sospetto fortemente, e il dubbio mi è cresciuto a dismisura qualche sera fa, quando sono stato con amici in un locale con cena e spettacolo.

Prima piano-bar, mentre si mangia. Poi una mezz’oretta con una coppia comica diventata famosa in TV. Quindi un’oretta abbondante di “ballabili”. Il locale è un ex teatro, quindi adattissimo, per conformazione allo scopo. Ma gli esiti sono, per certi versi, tragici.

L’impianto audio era tarato per coprire qualsiasi altro suono, e questo fin dalla fase iniziale, quando si è a tavola e si suppone che si possa conversare mangiando. Occasione importante per un single come il sottoscritto no? Praticamente il livello sonoro è rimasto costante per tutta la serata, e pure male gestito al punto di rovinare l’esibizione di cabaret, perché gli eccessivi rimbombi rendevano le battute difficili da intendere. E, si sa, il cabaret e la comicità in generale si fondano sul rispetto rigoroso dei ritmi, spesso veloci.

Era un ristorante anche per famiglie, con tanto di animazione per i bambini come si usa oggi, in modo da lasciare ai genitori un paio d’ore di tranquillità (non uditiva, beninteso). Una delle animatrici aveva un microfono con un altoparlante a batteria attaccato alla cintura, per riuscire a farsi sentire dagli animati pargoli.

Abbiamo bandito il silenzio dalle nostre vite, ormai stabilmente. Per i nostri antenati la notte era il luogo del silenzio assoluto, e per questo, a maggior ragione, del mistero. Ma anche il giorno era spesso caratterizzato da silenzio, o da suoni lievi. Se la giornata era serena, subito fuori dal villaggio potevano esserci pochi decibel di fruscii nell’aria e poco più. Noi abbiamo invece imparato che il progresso significa rumore, un sottofondo sonoro perenne e imprescindibile che permea ogni momento, senza interruzione. La città è rumore, la comunicazione è urlo. E ci siamo assuefatti.

Per l’uomo moderno e “evoluto” il silenzio è anormale, anomalo, crea sgomento, me ne rendo conto, non riesce a sopportarlo, deve distruggerlo. Appena entra in casa, dopo una giornata di lavoro in un’open-space affollato di telefoni in viva voce o davanti a uno sportello o bancone per utenza rumorosa, per prima cosa accende la radio o, meglio ancora, la TV. Se corre al parco deve mettere gli auricolari. Ce ne sono anche per il nuoto. Le palestre risuonano di musica, eppure tanti preferiscono la propria nelle orecchie. Suono continuo che attenuta i pensieri e cancella quello che si trova a pochi passi, che tiene concentrati sullo scopo del momento e impedisce alla mente di vagare altrove, incontrollata. Con l’aggiunta degli schermi dei telefonini è diventata una realtà virtuale perenne, che assorbe l’attenzione e attenua la percezione della realtà reale.

La tecnica assomiglia in modo sorprendente a quella dell’imbonitore o dell’imbroglione di strada, che deve parlare di continuo per impedire alla vittima di turno di raccogliere i pensieri.

Su questo tappeto di stimolazioni uditive (e non solo) continue, in questa overdose uditiva permanente, un segnale emerge solo se è più forte. Per farsi sentire bisogna urlare, alzare il volume. Oltretutto è diventato facile: gli altoparlanti da molti Watt non costano poi molto. E’ la tecnologia, bellezza, e, per quanto si dica, l’energia è ancora a buon mercato. Si fa sentire chi urla di più, per cui alla fine urlano tutti. Chi si lamentava delle strade rumorose di Napoli o del trambusto dei mercati africani si ritrova con una civiltà che fa dell’altissimo volume acustico la sua bandiera.

Così anche il divertimento deve essere rumoroso, oppressivo, non lasciare spazio a altro, preconfezionato. D’altra parte anche i brani a richiesta sono un po’ sempre gli stessi. I bambini è bene che si abituino, sin da piccoli, e che perdano l’udito presto, altrimenti si ritroveranno disadattati. Per il silenzio restano, al più, i monasteri.